Inail: Corte conti, irregolare 90% delle aziende ispezionate

Nel 2019 calo delle entrate contributive di 631,5 milioni

(ANSA) - ROMA, 06 MAG - L'attività di vigilanza dell'Inail "ha registrato, anche per il 2019, un rapporto tra aziende irregolari e aziende ispezionate estremamente elevato". Lo sottolinea la Corte dei conti nella sua relazione al Parlamento sulla gestione finanziaria per l'esercizio 2019 dell'Inail.
    "Circa il 90% delle aziende ispezionate era irregolare con un ammontare di premi omessi di circa 85,5 milioni di euro". La Corte sottolinea poi la "necessità di rafforzare l'attività ispettiva che registra ancora un numero troppo esiguo di aziende ispezionate (circa 15.503) rispetto a quelle assicurate (3.226.537)", pari cioè a meno dello 0,5%.
    I magistrati contabili hanno anche sollecitato come necessario un "costante monitoraggio sull'andamento delle entrate contributive" per poter adottare "tempestivamente" la misure correttive necessarie "anche alla luce dell'impatto cumulato di altri fattori, quali le recenti misure introdotte per fronteggiare l'emergenza epidemiologica e gli effetti dell'evoluzione del quadro macroeconomico" . Nel 2019 infatti si è segnalato sul 2018, un decremento delle entrate contributive" pari a 631,5 milioni. Il calo è determinato" dalla riduzione di premi e contributi" previsto dal nuovo tariffario introdotto nel 2019. (ANSA).
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video Economia



      Vai al sito: Who's Who

      Modifica consenso Cookie