S&P taglia al 4,8% il pil Ue nel 2021, pesa seconda ondata

Ridotta da 5,3 al 5% crescita globale, stabili previsioni 22-23

S&P Global taglia le prospettive di crescita globali nel 2021 dal 5,3% al 5% dopo che la seconda ondata di coronavirus determinerà "una partenza più debole" del nuovo anno. A pesare sulla revisione sono soprattutto le stime sul Pil dell'Eurozona, la cui crescita è stata ridotta, rispetto ad ottobre, dal 6,1 al 4,8% mentre aumentano leggermente le previsioni su Cina (dal 6,9% al 7%) e Usa (dal 3,9% al 4,2%).
    "Con la forza della ripresa economica che sta svanendo mentre i casi di Covid si sono impennati, prevediamo un inizio di 2021 più debole, sebbene le nostre previsioni sul pil 2022-23 siano sostanzialmente invariate", afferma S&P.
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video Economia



        Vai al sito: Who's Who

        Modifica consenso Cookie