Borsa: Milano debole con Europa e Atlantia, tiene Campari

Vendite anche su Diasorin, Leonardo e Saipem, scivolano banche

(ANSA) - MILANO, 09 LUG - Piazza Affari ha concluso una giornata in ampio calo seguendo l'orientamento dell'Europa e la seduta di Wall street: l'indice Ftse Mib ha chiuso in calo dell'1,98% a 19.505 punti, l'Ftse All share in ribasso dell'1,86% a quota 21.291 in un clima nervoso.
    Tra i mercati azionari del Vecchio continente ha tenuto solo Francoforte, soprattutto grazie alla trimestrale del gruppo informatico Sap (+4,5% finale), mentre a Milano le tensioni per la concessione di Autostrade per l'Italia hanno pesato sulla controllante Atlantia, che ha chiuso con una caduta dell'8,2% a 13,1 euro tra scambi molto forti.
    Vendite anche su Saipem, Leonardo e Diasorin, chje hanno perso oltre il 4%, mentre nel finale di seduta si sono appesantite le banche, anche per il ritorno di qualche tensione sui titoli di Stato italiani: Banco Bpm ha perso il 3,6%, Unicredit il 3,4%, mente Ubi ha ceduto il 2,3% a 3,04 euro e Intesa l'1,8% a quota 1,73.
    Male Eni (-3%), debole Tim (-1,2%), in rialzo oltre il punto percentuale Stm e Campari, mentre tra i titoli a minore capitalizzazione spiccano i cali di Saras (-7,6%) e Banca intermobiliare (-6%). Leggermente positiva Mps. (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video Economia



        Vai al sito: Who's Who

        Modifica consenso Cookie