Dan Brown, dopo il divorzio ex moglie gli fa causa

Blythe Brown, "sordidi affari extraconiugali"

(ANSA) - NEW YORK, 30 GIU - Aver vissuto una "vita di bugie", sperperando vaste somme di denaro su altre donne negli ultimi anni del loro matrimonio: questa l'accusa dell'ex moglie a Dan Brown, l'autore del bestseller "Il Codice Da Vinci".
    Blythe Brown accusa la sua ex metà di aver avuto una condotta "enormemente illegale, "attingendo segretamente vaste somme di denaro" per condurre "sordidi affari extraconiugali" con altre donne tra cui una addestratrice di cavalli danese che aveva ricoperto di regali costosi e stravaganti.
    L'azione legale è stata presentata presso la Rockingham Superior Court del New Hampshire. Blythe e Dan Brown sono stati sposati dal 1997 fino allo scorso dicembre e lei è stata una figura chiave nello straordinario successo editoriale del marito. E' stata tra l'altro co-autrice del primo libro pubblicato dallo scrittore, "187 Men to avoid. A survival guide for the romantically frustrated woman" del 1995, firmato con lo pseudonimo di Danielle Brown. (ANSA).
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA




      Modifica consenso Cookie