Pasolini vive tra cinema e teatro

A Spoleto Porcile e Il Vantone e a Pesaro film di Grieco

   Alla Mostra del Nuovo Cinema di Pesaro (20 - 27 giugno), una retrospettiva, il tributo di Pierpaolo Capovilla e alcune scene in anteprima dell'atteso La macchinazione, di David Grieco, con Massimo Ranieri nei panni di Pasolini nei suoi ultimi tre mesi di vita; 'Porcile' con la regia di Valerio Binasco e Il vantone con Ninetto Davoli al Festival dei due mondi di Spoleto (26 giugno - 12 luglio); il reading lungo un giorno, curato da Mario Sesti e Matteo Cerami, alla Festa de Cinema di Roma (16 - 24 ottobre).

Così a 40 anni dalla morte, i tre Festival internazionali renderanno omaggio al poeta e regista ucciso nel 1975. La 51/a edizione della Mostra del Nuovo Cinema di Pesaro ha in programma per Pasolini, fra gli altri, una retrospettiva, il reading 'La religione del mio tempo' del frontman del Teatro degli orrori, Pier Paolo Capovilla e una tavola rotonda il 27 giugno 'Pasolini nostro contemporaneo, Pasolini pesarese' con alcune immagini in anteprima da La macchinazione, il film di David Grieco sugli ultimi tre mesi di vita del poeta, interpretato da Massimo Ranieri. Del resto Pasolini era un appassionato del lavoro del festival di Pesaro, un promotore che dal '65 al '67 presentò opere scritte e fece celebri discorsi su Cinema e poesia.

''Massimo ha interpretato Pasolini come non avrebbe potuto fare nessun altro al mondo. Nella vita è come se fosse la sua versione meridionale estroversa. Hanno lo stesso senso di giustizia, il coraggio e la poesia - ha detto all'ANSA David Grieco -. Vorrei far debuttare il film a Venezia e portarlo a Toronto e San Sebastian, con un'uscita in autunno". Prima del racconto cinematografico, che si ferma con la morte di Pasolini, avvenuta il 2 novembre di 40 anni fa, uscirà il 27 agosto un libro di Grieco, sempre intitolato 'La macchinazione', edito da Rizzoli, "nel quale faccio la cronaca di quanto si è scoperto sull'omicidio fino ad oggi".

Sarà doppio l'omaggio al Festival di Spoleto: Valerio Binasco porta in scena Porcile, dramma in undici episodi che Pasolini ha scritto nel 1966, per poi farne un film nel 1969. ''Porcile non fa prigionieri - spiega Binasco nel programma -. Condanna tutti, dal primo all'ultimo. Non c'è redenzione, non c'è possibilità di salvezza in questo mondo soggiogato in modo, oramai, antropologico. Non c'è speranza in questo porcile dove tutti mangiano tutto, dove il solo deve essere il tutto''. Inoltre uno degli attori feticcio dell'autore di Uccellacci e uccellini, Ninetto Davoli, è protagonista con Edoardo Siravo de Il vantone, testo teatrale nel quale Pasolini ha tradotto in romanesco il Miles Gloriosus di Plauto. nfine, durante La Festa del Cinema di Roma, Mario Sesti e Matteo Cerami, ''partendo dal lavoro per il documentario che abbiamo realizzato insieme, 'La voce di Pasolini' (2005), stiamo organizzando un reading pubblico che si terra' in una giornata della Festa. Una sorta di Pasolini Day - spiega Sesti -nel quale, in una grande polifonia di voci, gli attori italiani si passeranno il testimone, leggendo con accompagnamento musicale, testi di Pasolini, dalle poesie ai saggi, ai romanzi''

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA




Modifica consenso Cookie