Michelangelo Pistoletto a Caracalla

Fino a 25/9, dopo primo intervento con Terzo paradiso

(ANSA) - ROMA, 23 MAG - Bianchissima nell'oscurità dei sotterranei dove 2 mila anni fa passavano centinaia di servitori e carovane. Simbolo della discordia e della bellezza, dell'Eden e del peccato originale, del presente che dialoga con il passato, ma anche del futuro e dei suoi scenari tecnologici in continua evoluzione. E' ''La Mela Reintegrata'' con cui Michelangelo Pistoletto torna alle Terme di Caracalla, dove era già intervenuto nel 2012 con il Terzo Paradiso, ancora esposto nei giardini del grande sito archeologico. Alta due metri e mezzo, scolpita nel marmo puro di Carrara, con la cicatrice del segno del morso ''ricucita'' da grandi graffette, la Mela, racconta Pistoletto, è un invito a ''riconnettere il mondo naturale con il mondo artificiale, a trovare una nuova armonia tra contrapposizione e persone''.
    Possibile riuscirci? ''Dovremmo diventare tutti un po' sarti - risponde - altrimenti rimane il morso. E il rimorso di non aver ricucito quella ferita''. Esposta fino al 25/9, l'opera è visibile gratuitamente.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA




Modifica consenso Cookie