Cronaca
  1. ANSA.it
  2. Cronaca
  3. Diventa una statua a Mariupol la nonnina con la bandiera rossa

Diventa una statua a Mariupol la nonnina con la bandiera rossa

Eretta dai soldati russi, celebra patriottismo filo-Putin

 Mariupol è una città in macerie quasi completamente in mano ai russi, ma per Mosca è anche un simbolo e come tale ha bisogno di ritualità e icone: lo mostra la statua appena eretta della 'babushka' ucraina con la bandiera rossa, la nonnina del Donbass russofona e russofila che ha rifiutato il cibo dai soldati ucraini sventolando il vessillo con la falce e martello. Nexta tv, media bielorusso di opposizione, ha twittato la foto della statua, tutta in nero, in stile sovietico, il fazzoletto in testa e in mano il drappo dell'Unione sovietica.
    La vicenda è diventata virale sui social filo-Russia il mese scorso con l'immagine della nonnina ucraina trasformata in breve tempo in una tale icona da comparire su murales, quadri e anche immagini cucite sulla divisa dei soldati di Mosca.
    La storia ha cominciato a circolare su Telegram ai primi di aprile e racconta dell'anziana babushka che accoglie con la bandiera rossa i soldati ucraini che vanno a portare del cibo. I militari le offrono da mangiare, si fanno dare la bandiera e la calpestano. Quando l'anziana donna comprende che si tratta di soldati ucraini, restituisce il sacchetto col cibo e urla: 'Non voglio, quella che state calpestando è la bandiera per cui sono morti i miei genitori'. E da quel momento è bastato un messaggio social per trasformare la cronaca in simbolismo di onore, coraggio e patriottismo per i russi. 
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA




      Modifica consenso Cookie