L'omicidio di Sara, ora Paduano in carcere ha paura

Il delitto pianificato, l'ex fidanzato della vittima è accusato di omicidio premerditato e stalking

"E' stato un momento. Ora ho paura". E' quanto avrebbe detto Vincenzo Paduano, in acercere per l'omicidio della sua ex Sara Di Pietrantonio, a chi ha avuto modo di parlare con lui qualche istante in carcere. Il 27enne si trova in una cella singola del carcere romano di Regina Coeli ed è sorvegliato a vista 24 ore su 24.

Secondo quanto rilevato dagli inquirenti ci sarebbero stati sette giorni di silenzio prima del terribile omicidio. Vincenzo Paduano si era come eclissato per poi apparire sabato sera a casa di Sara e dopo una lite mettere nella notte in atto l'atroce delitto. Lo hanno appurato gli investigatori. Dopo la 'rottura' con Vincenzo Paduano, Sara Di Pietrantonio ha continuato ad avere contatti soprattutto via sms con il suo ex. Dal ragazzo arrivavano sms di minacce ma la studentessa non aveva confidato a nessuno il tono vessatorio dei messaggi ricevuti.

L'uomo ha negato per otto ore, ma alla fine di un interminabile interrogatorio l'ex fidanzato di Sara Di Pietrantonio, la studentessa universitaria trovata morta all'alba di domenica all'estrema periferia di Roma, è crollato. "Sì l'ho uccisa io. Un pò di tempo fa ci eravamo lasciati, ma io non sopportavo che fosse finita. Lei stava con un altro" avrebbe detto, in lacrime, Vincenzo Paduano agli inquirenti che lo hanno fermato con l'accusa di omicidio volontario premeditato aggravato dallo stalking. In sostanza un femminicidio. Un delitto "atroce", secondo la ricostruzione fatta dagli investigatori della Squadra Mobile, commesso perché il 27enne non si rassegnava alla fine della storia e non accettava che lei frequentasse un altro.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA




Modifica consenso Cookie