Libia: ufficiale Aliseo, salvi per questione di centimetri

Il racconto di Girolamo Giacalone

(ANSA) - PALERMO, 08 MAG - "Prima ci hanno abbordato, tre militari armati sono saliti a bordo e poi si sono portati il nostro comandante a bordo della loro motovedetta". Questo il primo racconto di Girolamo Giacalone, ufficiale del motopesca 'Aliseo', appena sceso dal mezzo ormeggiato in banchina a Mazara del Vallo.
    "Quando il comandante è tornato a bordo, ci ha detto che gli hanno chiesto scusa. Ma scusa per cosa? Potevano ucciderci. È stato un miracolo, bastava qualche centimetro e ci uccidevano. I fori sono visibili sul vetro, su uno schermo e nelle pareti di ferro. Tornare in quelle acque per lavorare è impossibile, non ci sentiamo per nulla sicuri". (ANSA).
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA


      Vai al Canale: ANSA2030
      Vai alla rubrica: Pianeta Camere



      Modifica consenso Cookie