Etna: nuovo parossismo, fontane lava alte 1 km e nube cenere

Fenomeno nella notte, in corso nuova attività stromboliana

(ANSA) - CATANIA, 23 FEB - L'Etna è un vulcano carico di energia interna che la notte scorsa dopo la mezzanotte ha dato vita generato getti di lava alti fino a mille metri sopra il cratere di Sud-Est. L'attività parossistica ha prodotto una colonna eruttiva che si è alzata per diversi chilometri rispetto alla cima della montagna. Durante questa attività ha avuto inizio un secondo trabocco lavico dalla bocca della sella, alimentando un flusso lavico diretto verso sud-ovest. Dopo l'una l'Ingv-Oe di Catania ha registrato una repentina diminuzione della fontana di lava. Ma è continuata l'attività effusiva di due flussi lavici che si sovrappongono alle colate degli episodi precedenti. Poco prima delle 5 l'Ingv-Oe di Catania ha registrato un nuovo incremento in frequenza ed intensità dell'attività stromboliana, accompagnata da emissione di cenere, al Cratere di Sud-Est, con lancio di prodotti abbondantemente al di fuori dell'orlo craterico fino ad un'altezza di circa 300 m.   Contemporaneamente si sono formate due piccole colate laviche, l'una in direzione della desertica Valle del Bove e l'altra in direzione sud-ovest. La localizzazione della sorgente permane al di sotto del Cratere di Sud-Est ad una quota di circa 2.800 metri al di sopra del livello del mare.

Si è conclusa intorno alle 10 la nuova attività eruttiva al cratere di Sud-Est dell'Etna, dopo la quinta fase parossistica registrata in una settimana sul vulcano attivo più alto d'Europa e la seguente fase stromboliana. E' quanto emerge dal monitoraggio dell'Ingv-Oe di Catania. Le colate di lava non sono più alimentate, i fronti del 'braccio' maggiormente esteso, nella desertica Valle del Bove, si attestano ad una quota compresa fra i 1.700 e i 1.800 metri. Il flusso lavico diretto verso sud-ovest ha percorso soltanto poche centinaia di metri in sovrapposizione alle precedenti colate. L'imponente nube di cenere lavica emersa dal cratere sospinta dal vento è ricaduta sui paesi e i centri abitati del versante occidentale dell'Etna. L'ampiezza media del tremore, che segnala il movimento del magna nei condotti interni del vulcano, dopo la fase di incremento, alle 05:40 ha subito una riduzione, raggiungendo il livello medio dove tuttora permane. La sorgente del tremore vulcanico è tra i crateri Bocca Nuova e Voragine, ad una quota di 2.400-2.600 metri sopra il livello del mare. Anche l'attività infrasonica ha subito un consistente decremento sia nel tasso di accadimento che nell'energia degli eventi, che risultano localizzati al cratere di Sud-Est. L'ultima attività dell'Etna non ha avuto alcun impatto sull'aeroporto internazionale Vincenzo Bellini di Catania che è rimasto operativo.

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA


      Vai al Canale: ANSA2030
      Vai alla rubrica: Pianeta Camere



      Modifica consenso Cookie