Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Istituto Cattaneo, a Cagliari oltre 1/3 dei voti leghisti a Todde

Istituto Cattaneo, a Cagliari oltre 1/3 dei voti leghisti a Todde

A lei preferenze anche dal resto del centrodestra e terzo polo

ROMA, 28 febbraio 2024, 16:04

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

 A Cagliari "più di un terzo degli elettori leghisti hanno votato per Alessandra Todde". Questa la stima contenuta nell'analisi dell'istituto Cattaneo sui risultati delle ultime regionali in Sardegna. Lo studio definisce, invece, "marginale" a Sassari "la quota di elettori leghisti che hanno defezionato". Se a Cagliari si stima che sul 3,6% dei voti incassati dalla lista della Lega, l'1,5% sia andato a sostenere Todde presidente (e il 2,1% Paolo Truzzu), a Sassari la percentuale per Todde - sul 2,6% alla lista - scende allo 0,3%.
    L'istituto premette che i dati raccolti "non consentono di rispondere in maniera definitiva al quesito riguardo al peso dei 'tradimenti' di cui, secondo una congettura diffusa, sono indiziati gli elettori della Lega". Quindi rimarca che "risulterebbe improprio addebitare" la responsabilità della sconfitta di Truzzu "ai soli voti leghisti 'dissenzienti.
    L'analisi rivela che sia a Sassari sia a Cagliari ci sono stati apporti alla candidata del centrosinistra di dimensioni nel complesso pari o superiori provenienti anche dagli elettorati di altri partiti del centrodestra". Todde, infatti, emerge come "l'unica candidata che intercetta trasversalmente voti provenienti da elettori delle liste di altre coalizioni.
    Ottiene voti sia da elettori del 'terzo polo' guidato da Renato Soru sia dal elettori di partiti di centrodestra".
    La conclusione è che il risultato sardo, nella sua conclusione inattesa, "è principalmente dovuto alle caratteristiche intraviste dagli elettori nei due principali candidati, e soprattutto dalla capacità attrattiva personale della neo-presidente, potenziata dalla forte intesa e dal convinto sostegno del Pd sardo"..

 A Sassari risulta ad esempio che l'1,3% del 7,5% dei voti alla lista del terzo polo (che in Sardegna si è sostanziato nell'appoggio di Azione e Più Europa a Soru) sia andato a Todde e il 6,1% a Soru presidente. Nello stesso Comune, viceversa, si stima che abbia votato per Soru lo 0,7% di coloro che hanno espresso preferenze per la lista del Pd (16,2%). Sempre qui la neopresidente avrebbe raccolto i favori dello 0,9% degli elettori di centrodestra (0,3% della Lega e una percentuale addirittura maggiore di quelli di FdI, lo 0,5%). A Cagliari l'1% degli elettori di FI (sul 5,2% di lista) avrebbe votato per Todde e lo 0,3% per Soru. A quest'ultimo si stima sia andato anche l'1% dei voti della lista dem (13,2%). Una percentuale parzialmente 'ricompensata' dai voti del cosiddetto terzo polo finiti a Todde (0,6 dei 5,8 di lista).
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

Guarda anche

O utilizza