Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

>ANSA-FOCUS/ Grandi città a Todde, Truzzu tiene fortini c.destra

>ANSA-FOCUS/ Grandi città a Todde, Truzzu tiene fortini c.destra

Soru sconfitto nei centri costieri dopo le polemiche per il Ppr

CAGLIARI, 27 febbraio 2024, 16:06

di Andrea Frigo

ANSACheck

combo Sardegna - RIPRODUZIONE RISERVATA

combo Sardegna -     RIPRODUZIONE RISERVATA
combo Sardegna - RIPRODUZIONE RISERVATA

Alessandra Todde conquista le grandi città della Sardegna - Cagliari, Sassari e Quartu Sant'Elena, le prime tre per numero di abitanti - oltre alla sua Nuoro, dove stravince con il 54%; Paolo Truzzu vince nelle roccaforti del centrodestra, Olbia con la Gallura, Oristano ma anche Alghero, ma è pesantemente sconfitto nella sua città, Cagliari, dove è sindaco dal luglio del 2019. E' la principale fotografia del voto in Sardegna, quando ancora non tutte le 1.844 sezioni sono state scrutinate.

Renato Soru con la Coalizione sarda, terzo e a rischio esclusione dal Consiglio regionale a causa dello sbarramento previsto dalla legge elettorale sarda (il 10% per le coalizioni e il 5% per le singole liste), sorride a Nuoro - dove tra i candidati nella coalizione c'era il sindaco Andrea Soddu - con oltre l'11,6% e a Oristano con l'11,9%. Il fondatore di Tiscali, che governò la Sardegna dal 2014 al 2019 e poi fu sconfitto da Ugo Cappellacci del centrodestra, ottiene pochi voti nei centri costieri, dove fu molto criticato per il Piano paesaggistico regionale da lui introdotto e per la tassa sugli yacht, che finì per penalizzare i porti sardi. Ad Arzachena, il Comune della Costa Smeralda, ma anche a Castelsardo l'ex segretario del Pd sardo si attesta sul 3%. Alghero e Ogliastra invece lo bocciano.

Per la candidata indipendente Lucia Chessa, con la lista Sardigna R-esiste, originaria di Bitti e per 10 anni sindaca di Austis, i risultati migliori arrivano proprio dalla circoscrizione di Nuoro. A Bitti (dove stravince Truzzu con il 64,1% e Todde si ferma al 22%) Lucia Chessa sfiora il 5%, ma è ad Austis che ottiene l'exploit con oltre il 24%.

In Gallura, roccaforte del centrodestra, spicca il risultato di Golfo Aranci, comune costiero a due passi da Olbia, dove il centrodestra trionfa con l'81,1% trainato dai Riformatori, il partito che schiera tra i candidati l'ex sindaco Giuseppe Fasolino, assessore regionale uscente della Programmazione, con il 49,3%.

Per Truzzu, sindaco ancora in carica, pesa la debacle di Cagliari. Solo il 34% delle preferenze contro il 53% di Todde. Ieri, dopo aver votato, Truzzu era andato allo stadio per seguire il suo amato Cagliari (in gioventù era stato anche un ultras della Curva) ma con la città il rapporto si è raffreddato negli ultimi tempi, soprattutto a causa dei tanti cantieri aperti in contemporanea e che hanno di fatto paralizzato il centro. Truzzu ha promesso una città più bella, e sicuramente lo sarà quando finiranno tutti i lavori, ma da mesi regna il malcontento di commercianti - molti costretti ad abbassare le serrande per mancanza di clienti - e automobilisti infuriati per il traffico caotico che Cagliari non aveva mai visto.

Cinque anni fa la vittoria di Christian Solinas fu netta, con il 47,8%, ma non totale. Nella 'mappa' regionale, lo sfidante del centrosinistra Massimo Zedda era riuscito a conquistare la prima posizione in diversi centri, tra i quali due capoluoghi di provincia, Cagliari (dove è stato sindaco) e Nuoro. Solinas, invece, era stato particolarmente forte nel nord e nel sud-est dell'Isola. 
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza