Covid: Sos ristori nelle campagne, sit-in a Cagliari

Manifestazione davanti a Prefettura, settore da 10mila addetti

(ANSA) - CAGLIARI, 10 APR - Campagne senza aiuti per gli stagionali. E i lavoratori agricoli, occupati soprattutto negli agriturismi e nel settore del florovivaismo sono scesi in piazza questa mattina per contestare l'esclusione dal decreto Sostegni.
    Mobilitazione nazionale: a Cagliari operatori e sindacati Flai Cgil, Fai Cisl e Uila Uil si sono dati appuntamento davanti alla Prefettura. Una delegazione in rappresentanza di circa 10mila lavoratori del settore. "Il nostro grido d'allarme a tutela dei lavoratori stagionali che hanno assicurato, anche in questo anno di pandemia, cibo fresco sulle nostre tavole e che sono stati indicati per tanti mesi come essenziali - sottolineano i segretari regionali Anna Rita Poddesu (Flai), Bruno Olivieri (Fai) e Gaia Garau (Uila) - non può rimanere inascoltato".
    A causa dell'emergenza sanitaria infatti, sono state perse anche in Sardegna centinaia di giornate di lavoro: "E' inaccettabile - proseguono i segretari - che ora vengano dimenticati dal governo e lasciati senza alcun sostegno al reddito". Le categorie nazionali hanno spiegato le loro ragioni già a fine marzo, nella prima giornata di mobilitazione che si è svolta a Roma e che ha portato a un incontro in videoconferenza con il ministro per le Politiche agricole. Le rivendicazioni dei sindacati: l'introduzione del bonus per gli stagionali dell'agricoltura e la sua compatibilità con il reddito di emergenza; il conteggio, per il 2020, delle stesse giornate di lavoro del 2019; il riconoscimento di una cassa integrazione stabile per i pescatori. Oltre a questo, Fai, Flai e Uila chiedono l'inserimento della clausola sulla condizionalità sociale nella Politica agricola comune (PAC), per condizionare i contributi europei rivolti alle aziende al rispetto di leggi e contratti. E ancora, esprimono totale contrarietà al tentativo di semplificare ancora di più l'uso dei voucher che annichilisce le tutele e i diritti dei lavoratori, e sollecitano la riapertura dei tavoli negoziali per il rinnovo dei contratti provinciali.
    Obiettivo: modificare- si legge in una nota una politica di sostegno fortemente sbilanciata a favore delle imprese agricole e non dei lavoratori. "Anche a loro - concludono Rita Poddesu, Bruno Olivieri e Gaia Garau - vanno garantiti diritti contrattuali, un reddito dignitoso e sostegni adeguati". (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere



        Modifica consenso Cookie