Via Lattea a Sardegna, guerra turismo non tollerabile

Sindaco Pragelato, servono regole condivise

(ANSA) - TORINO, 06 GIU - "Come sindaci in questi mesi difficili abbiamo sempre sostenuto che le regole sono uguali per tutti, su tutto il territorio nazionale e che, soprattutto, sono efficaci per tutti. Oggi, misteriosamente, assistiamo ad uno strano balletto dove ogni primo cittadino va in ordine sparso".
    Così, in una nota, Giorgio Merlo, sindaco di Pragelato e assessore alla Comunicazione dei Comuni Olimpici Unione Montana Via Lattea, secondo cui "non è tollerabile che avviando una 'guerra turistica' sul territorio nazionale si pensi di risolvere i problemi sul tappeto".
    Merlo fa riferimento, in particolare, "alla Sardegna che ha lanciato alcuni giorni fa la politica del 'Covid free', lanciando un messaggio pubblicitario che mette francamente in difficoltà le altre regioni. Perché un italiano o un turista straniero - si chiede Merlo - dovrebbero scegliere una vacanza in Piemonte o in Lombardia se questi cittadini non sono ben graditi ovunque nel territorio nazionale? E non si parla solo di regolamenti scritti ma anche di molti gestori che cercano di evitare turisti provenienti dalle zone più colpite. Credo, francamente, sia arrivato il momento di superare l'idea di 'zona rossa' e di ridisegnare un'Italia che declini - pur sempre nel rigoroso rispetto delle regole stipulate dagli organismi preposti - un modello unico di turismo per i suoi cittadini e che eviti, soprattutto, divisioni che sarebbero nocive per tutti".
    "È sempre più necessario realizzare insieme strategie condivise e integrate, anche innovative, che prevedano un serio rilancio dei viaggi su tutto il territorio nazionale - conclude il sindaco di Pragelato -. Cioè, in ultimo, una proposta unica e uguale per tutti". (ANSA).
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA


      Vai al Canale: ANSA2030
      Vai alla rubrica: Pianeta Camere



      Modifica consenso Cookie