No Tav: 'Abbiamo reagito a infame decisione governo'

'Per noi non è cambiato niente, resistenza e determinazione'

"Avevamo detto che avremmo portato più gente possibile al cantiere, per far vedere a tutti da vicino contro cosa lottiamo e lo abbiamo fatto". Lo scrive Notav.info, sito internet di riferimento del movimento che si oppone alla Torino-Lione, commentando la manifestazione di ieri in Valle di Susa. "A differenza di tanti, il movimento No Tav - si legge - mantiene sempre le sue promesse". "Il 'come' abbiamo raggiunto il cantiere, che fa tanto notizia, è lo stesso in cui lo abbiamo fatto molte altre volte", aggiungono i No Tav.

"A noi interessa valorizzare quanti giovani e meno giovani sono partiti dal Festival per raggiungere la Val Clarea, con un tempo a dir poco incerto, e ci hanno spinto ad andare fino in fondo, sorpassando zone rosse e cancelli in metallo", scrive notav.info. "Un pacifico fiume in piena fatto di migliaia di volti di ogni età - si legge - è partito da Venaus per arrivare a Giaglione e trasformarsi in un torrente in piena che si è diviso in mille rivoli tentando raggiungere il cantiere della vergogna. Il dispositivo di sicurezza tanto decantato dal ministro Salvini, con i suoi 500 agenti, faceva... acqua da tutte le parti! I jersey sono venuti giù e una marea di bandiere crociate ha violato la zona rossa". "Eravamo veramente tanti, sorridenti e determinati a ribadire che nonostante le parole di Conte e il voltafaccia delle stelle al governo, non ci saremmo fermati neanche un attimo, come avviene da tutti questi anni".

"Abbiamo reagito - afferma il movimento che si oppone alla Torino-Lione sul sito internet Notav.info - all'infame decisione del governo dicendo che per noi 'non è cambiato niente' Tanti pensavano di poter chiudere il capitolo della lotta No Tav. Hanno fatto male i loro conti. Qui c'è un libro appena aperto - si legge - fatto di resistenza e determinazione, con tante pagine ancora da scrivere. Siamo dalla parte giusta della storia".

M5s: solo un favore a Macron. Lega: che ci fa M5s al governo?  - "L'Ue ha messo più soldi per la Torino-Lione? In realtà non è proprio così: ha solo fatto sapere che si impegnerà a farlo. Se il tuo datore di lavoro o un tuo cliente non ti pagano ma ti dicono "tranquillo, ti pagherò, poi lo faccio", senza dirti quando come e perché, qualche dubbio ti viene o no?". Lo scrive il M5s sul Blog delle stelle. "Non è che questi soldi, in realtà, all'Italia non servono ma sono solo un altro favore alla Francia di Macron? E pensare che sul Tav c'è chi si schiera con Macron: Renzi, la Boschi e Berlusconi".

"Se per i 5 Stelle la Tav è un delitto, uno spreco, un crimine, un regalo a Macron e al partito del cemento, che ci stanno a fare in un governo che la realizzerà? Se vogliono possono dimettersi, nessuno li obbliga". Lo dichiarano i capigruppo della Lega Riccardo Molinari e Massimiliano Romeo, in una nota.

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere



        Modifica consenso Cookie