Liguria
  1. ANSA.it
  2. Liguria
  3. Uccisa da fratello: verrà sentito personale salute mentale

Uccisa da fratello: verrà sentito personale salute mentale

Al vaglio della procura eventuali ritardi nella presa in carico

(ANSA) - GENOVA, 10 MAG - Oltre agli agenti verrà sentito anche il personale della salute mentale che aveva fissato un appuntamento il 2 maggio per Alberto Scagni, il disoccupato di 42 anni che la sera del primo maggio ha ucciso la sorella Alice sotto casa con 20 coltellate. Scagni ha ucciso la donna, madre di un bimbo di un anno e 4 mesi, perché voleva più soldi dalla famiglia.
    Gli investigatori della squadra mobile, coordinati dal procuratore Francesco Pinto e dall'aggiunto Vittorio Ranieri Miniati, vogliono capire se vi sia stato un ritardo nella presa in carico dell'uomo. La madre, il giorno dopo l'omicidio, aveva raccontato di avere più volte telefonato alle forze dell'ordine e di avere anche chiesto aiuto all'igiene mentale a inizio aprile. Era stato fissato un appuntamento solo il 2 maggio.
    Scagni poteva essere visitato prima? La madre dei due ragazzi aveva raccontato che dal 22 aprile c'era stata una escalation di episodi preoccupanti. In particolare il 30 aprile era stata chiamata la polizia dopo che era stata incendiata la porta di casa della nonna dei giovani che abita nello stesso condominio del nipote. La donna aveva indirizzato le forze dell'ordine verso Alberto dicendo che negli ultimi giorni aveva danneggiato la porta più volte dopo che si era rifiutata di dargli soldi. Il primo maggio, sette ore prima del delitto, i genitori avevano chiamato ancora il 112 dicendo che il figlio li aveva minacciati di sgozzarli ma erano stati invitati a fare denuncia il giorno dopo. (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        MyWay Autostrade per l'Italia

        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere



        Modifica consenso Cookie