Dl Genova: Toti a Draghi, destinare fondi residui a imprese

Sono 13,6 milioni di euro avanzati dai risarcimenti una tantum

(ANSA) - GENOVA, 23 FEB - Il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti ha scritto una lettera al presidente del Consiglio Mario Draghi e al ministro del Lavoro Andrea Orlando per chiedere di "destinare il residuo dei fondi della 'Legge Genova' post crollo del ponte Morandi a sostegno dell'occupazione delle aziende e dei lavoratori nella zona franca urbana di Genova rispondendo alle criticità aggravate dalla pandemia covid".
    L'obiettivo di Toti è destinare gli oltre 13,6 milioni di euro avanzati dai risarcimenti cosiddetti 'una tantum' previsti nella Legge Genova alle aziende e ai soggetti economici della zona franca urbana del capoluogo che non usufruirono di forme di sostegno al reddito e che potrebbero trovare, a fronte di un nuovo quadro di riferimento, la possibilità di un riconoscimento finalizzato a sostenere l'occupazione ed ammortizzare il danno subìto.
    Nella lettera il governatore ligure sottolinea che "le aziende liguri, già duramente provate dalla crisi causata dal crollo del Ponte Morandi del 14 agosto 2018 si trovano oggi ad affrontare la pandemia con sempre maggiori difficoltà e forti ricadute negative sul piano imprenditoriale ed occupazionale". (ANSA).
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA


      Vai al Canale: ANSA2030
      Vai alla rubrica: Pianeta Camere



      Modifica consenso Cookie