Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Chiusura centri islamici a Monfalcone, Tar Fvg respinge ricorso

Chiusura centri islamici a Monfalcone, Tar Fvg respinge ricorso

Associazioni chiedevano sospensiva. Sindaca, agito per sicurezza

TRIESTE, 10 febbraio 2024, 18:41

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Il Tar del Friuli Venezia Giulia ha rigettato la richiesta di sospensiva dei provvedimenti che avevano portato alla chiusura dei centri culturali islamici Darus Salaam e Baitus Salat di Monfalcone (Gorizia). Ne dà notizia il Comune.
    Le due associazioni si erano rivolte alla giustizia amministrativa contro due ordinanze dell'ente locale relative a due diversi immobili utilizzati per la preghiera ma aventi invece diverse destinazioni d'uso. Il Comune aveva ordinato il ripristino della destinazione d'uso originaria. A gennaio il presidente del Tar del Fvg, Carlo Modica De Mohac, aveva respinto la richiesta di urgenza presentata dai centri culturali. L'istanza era stata poi discussa mercoledì scorso in camera di consiglio. Al termine, il Tar si era riservato la decisione.
    Ora, osserva il Comune in una nota, "i due provvedimenti trovano ulteriore conferma e diventano esecutivi. L'ente aveva ritenuto di intervenire a fronte di una serie di elementi emersi a seguito di specifiche verifiche tecniche, che avevano fatto rilevare problemi di legittimità dell'operato e questioni di incolumità pubblica e di sicurezza".
    "Il Comune - afferma la sindaca Anna Maria Cisint - si è sempre mosso nell'obiettivo di tutelare le ragioni di conformità alle norme e quelle della pubblica sicurezza, che vanno rispettate da tutti i cittadini e per questo abbiamo sempre respinto ogni campagna di disinformazione tesa ad accusarci di razzismo e di pregiudizi razziali".
    Nell'imminenza del Ramadan "privare gli associati degli spazi necessari alle attività associative e di culto costituisce un pregiudizio grave e irreparabile", afferma il legale rappresentante dei due centri, avvocato Vincenzo Latorracca.
    "Ecco la ragione per cui le associazioni ricorreranno, con appello cautelare, al Consiglio di Stato".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza