Norvegia a Brasile,stop deforestazione Amazzonia o no fondi

Disboscamenti in crescita. A difesa foreste la top model Gisele

Redazione ANSA ROMA
(ANSA) - ROMA, 24 GIU - Il primo ministro norvegese, Erna Solberg, ha lanciato un avvertimento al presidente del Brasile Michel Temer: se non porrà un freno alla deforestazione in Amazzonia, il Paese scandinavo quest'anno ridurrà le risorse economiche - circa 1,1 miliardi di dollari dal 2008 - elargite al fondo per proteggere il polmone verde del Pianeta.

Il contributo norvegese "si basa sui risultati", ha detto Solberg al termine di un meeting con il presidente brasiliano a Oslo. "Se i dati preliminari sulla deforestazione del 2016 saranno confermati, ciò comporterà un pagamento ridotto nel 2017".

Nell'Amazzonia brasiliana, la più grande foresta pluviale al mondo, nel 2015 la deforestazione è tornata a crescere per la prima volta in un decennio. Stando all'Istituto nazionale per la ricerca spaziale del Brasile, tra l'agosto 2015 e il luglio 2016 l'abbattimento di alberi ha interessato 800mila ettari, a fronte dei 600mila ettari dell'anno precedente e dei 480mila dell'anno ancora prima.

A fare pressione sul presidente Temer non è solo la Norvegia.

Nei giorni scorsi la top model Gisele Bundchen ha chiamato in causa il leader brasiliano su Twitter chiedendogli di bloccare una legge che consentirebbe di aprire allo sviluppo 600mila ettari di foresta. Richiesta accolta, sempre con un tweet, da Temer.(ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie