Contagi in aumento, 463 in un giorno. Due le vittime, minimo storico dal 21 febbraio

Il picco di decessi lo scorso 27 marzo, quando si registrarono 919 morti. Sileri: 'Focolai contenuti, ma ognuno sia responsabile'

Redazione ANSA ROMA

Salgono nuovamente i contagi da coronavirus in Italia. In 24 ore, secondo i dati del ministero della Salute, si sono registrati 463 nuovi casi, a fronte dei 347 di sabato, che fanno salire il totale a 250.566.

Numero di vittime al minimo storico dall'inizio dell'epidemia in Italia: in 24 ore - secondo il bollettino del Ministero della Salute - sono due le persone morte in tutto il Paese per il Covid, un dato che non si registrava dal febbraio scorso. Sabato erano stati segnalati dal bollettino 13 morti. Complessivamente, i decessi dall'inizio dell'epidemia sono 35.205.

Un dato simile sul numero di vittime da Covid non si registrava dallo scorso 21 febbraio, quando si registrarono i primi due decessi di persone positive al virus. Il record per numero di vittime nell'arco di 24 ore è stato invece raggiunto con il bollettino diffuso lo scorso 27 marzo, quando si registrarono 919 morti.

"Sono giorni che i dati dei contagi, ondulanti, possono indurci a pensare che la situazione sfugga di mano ma non è così: non è in atto una recrudescenza a livello nazionale ma diversi focolai ben contenuti", ha spiegato su Fb il viceministro Pierpaolo Sileri. Contenendo i focolai, facendoli restare piccoli, e proseguendo con il senso di responsabilità "che abbiamo sviluppato nel corso di questi mesi, proteggendo gli altri con mascherina, distanziamento e igiene; la fase di rialzo del virus non sarà una seconda ondata per come l'abbiamo conosciuta a marzo",dice Sileri. 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA