Ogni anno 5 mila donne in Italia colpite da tumore ovarico

Per la Giornata mondiale Fondazione Aiom 'chiama' la Gerini

Redazione ANSA ROMA

Sono più di 5.000 le donne che ogni anno in Italia ricevono una diagnosi di tumore ovarico, uno dei più aggressivi tumori femminili. A causa di sintomi aspecifici o non riconosciuti, in quasi otto casi su dieci la malattia viene diagnosticata in fase già avanzata. Ci sono però novità positive, come la possibilità per tutte le pazienti di accedere alle terapie di mantenimento che permettono di allontanare le ricadute dopo la chemioterapia e che si sono dimostrate efficaci sul tumore ovarico. Oggi è la Giornata mondiale sul tumore ovarico e proprio per aumentare la formazione e la consapevolezza, utili nella lotta alla patologia, è stata lanciata la campagna "Tumore ovarico: manteniamoci informate". L'iniziativa vede la firma di Fondazione Aiom, in collaborazione con le Associazioni pazienti Acto, Loto, Mai più sole, ed Abrcadabra. "Finalmente, in questi ultimi anni la ricerca ha prodotto risultati importanti nel carcinoma ovarico - dice Stefania Gori, presidente della Fondazione Aiom - oggi sappiamo che un quarto delle pazienti sono portatrici di mutazioni Brca1 e/o Brca2, con implicazioni terapeutiche e familiari importantissime. E sappiamo che una terapia di mantenimento con farmaci orali, gli inibitori di Parp, determina lunghe sopravvivenze nelle pazienti mutate e anche nelle pazienti non mutate, le quali rappresentano la maggior parte delle donne affette da carcinoma ovarico (75%)". La campagna si svilupperà nei prossimi mesi attraverso attività online, campagne social ed eventi sul territorio. Già da oggi è attivo il sito www.manteniamociinformate.it con le informazioni fondamentali sul tumore ovarico: ad accogliere le visitatrici è un messaggio di benvenuto di Claudia Gerini, testimonial della campagna. 
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA