Allarme smog, 95% popolazione mondo respira aria inquinata

Situazione peggiore in Asia, nel 2016 6,1 mln morti nel mondo

Redazione ANSA ROMA

 Il 95% della popolazione mondiale respira aria inquinata, con i paesi in via di sviluppo che sopportano il peso maggiore del problema, che nel 2016 ha fatto 6,1 milioni di morti. Lo afferma un rapporto dell'ong statunitense Health Effects Institute, basato su dati satellitari integrati con il monitoraggio a terra. Secondo i dati del rapporto un terzo della popolazione mondiale è esposto sia all'inquinamento esterno che a quello interno, provocato dai combustibili fossili usati per le stufe.

Secondo la stima circa 7 miliardi di persone vivono in zone in cui le polveri sottili superano i limiti delle linee guida Oms, mentre il 60% della popolazione mondiale supera anche i limiti meno stringenti. Il problema è più acuto in Asia, con India e Cina che da sole portano il peso di metà dei morti stimati, anche se gli sforzi di Pechino stanno facendo diminuire i tassi di inquinamento del paese. "L'inquinamento - ricorda Bob O'Keefe, uno degli autori - rende più difficile respirare per chi ha problemi ai polmoni, provoca ricoveri all'ospedale, e alle morti premature. 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA