Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Trapiantato un fegato conservando la circolazione del sangue

Trapiantato un fegato conservando la circolazione del sangue

Per la prima volta in Italia, al S.Martino di Genova

GENOVA, 21 febbraio 2024, 10:50

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

È stato eseguito, per la prima volta in Italia, presso il centro trapianti d'organo dell'ospedale policlinico San Martino di Genova, diretto dal dottor Enzo Andorno, il trapianto di un organo senza interromperne la circolazione sanguigna al proprio interno. Si è trattato di un trapianto di fegato salvavita in cui l'organo, per preservarne al meglio la funzione, non ha mai smesso di ricevere sangue durante il suo passaggio dal donatore al ricevente. L'intervento è stato eseguito l'8 gennaio e la paziente è stata dimessa dopo tre settimane dall'intervento.
    Durante l'operazione di trapianto il fegato è, infatti, rimasto costantemente irrorato dal sangue e alla stessa temperatura dal prelievo fino al suo reimpianto con importanti vantaggi durante e dopo la fase operatoria. L'innovativa tecnica, eseguita anche grazie all'utilizzo di una macchina per la perfusione degli organi, di cui il Policlinico è dotato, si è dimostrata efficace nel ridurre le possibilità che l'organo subisca danni in fase di prelievo o di trapianto e nel garantire una miglior conservazione di tutte le caratteristiche dello stesso con una ripresa immediata della sua funzione nella ricevente.
    "La ricerca scientifica e tecnologica nell'ambito trapiantologico - ha detto l'assessore regionale alla sanità Angelo Gratarola - in questi anni ha cercato strategie utili a garantire il trapianto di organi che fino a qualche anno fa non sarebbero stati impiegabili perché considerati marginali, non idonei, a rischio. La riduzione sensibile dell'ischemia tra il prelievo e il trapianto, o addirittura la sua abolizione attraverso tecniche di perfusione, garantisce maggiormente il successo dell'intervento".
    "Nonostante la complessità dell'intervento e le condizioni di partenza decisamente critiche - ha concluso Adorno -, la paziente a 72 ore dall'intervento ha potuto lasciare la terapia intensiva tornando nel reparto di degenza ordinaria, da dove è stata poi dimessa tre settimane dopo l'intervento".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza