Fisker Pear, futura elettrica urbana made in Usa accessibile

A costruirla in Ohio Foxconn, il colosso taiwanese degli iPhone

Redazione ANSA ROMA

La conferma da parte del costruttore Usa di auto elettriche Fisker del debutto nel 2024 di Pear, un nuovo modello 'urbano' di fascia medio-bassa (29.900 dollari) e del relativo programma produttivo nello stabilimento ex General Motors di Lordstown in Ohio al ritmo di 250mila unità anno, nasconde in effetti una notizia di ben maggiore importanza.
    L'annuncio su Pear è arrivato infatti il giorno dopo che il nuovo proprietario dell'impianto, la Foxconn (il produttore a contratto dell'iPhone) è diventato ufficialmente una Casa automobilistica. Con il completamento dell'acquisizione dell'impianto nell'Ohio all'azienda taiwanese - nota come Hon Hai Technology Group - si stringono i tempi per il debutto sulle strade dei primi veicoli elettrici by Foxconn, secondo il modello di mega-business utilizzato con Apple a altri colossi dell'elettronica.
    Dallo stabilimento nell'Ohio - che ha una capacità di 400mila veicoli all'anno - uscirà per primo (terzo trimestre) il pick-up elettrico Endurance costruito a contratto da Foxconn per la Lordstown Motors la start-up con sedi e centri ricerche a Farmington Hills nel Michigan ed a Irvine in California.
    Il colosso taiwanese si preparerà poi alla riduzione della Fisker Pear, che dal 2024 affiancherà l'altro modello Ocean, attualmente costruito - sempre sotto contratto - dalla austriaca Magna. Questo modello debutterà entro il 2022 e costerà, secondo quanto annunciato da Fisker, 37.499 dollari (36.000 euro).
    Nello stabilimento nell'Ohio Foxconn potrà potenzialmente lavorare anche per altri (si parla di una joint venture che verrà presto annunciata) e sicuramente dedicherà una parte delle capacità di sviluppo e produzione ad una piattaforma 'open source' che Foxconn venderà ad altre aziende sulle specifiche richieste.
    Per quanto riguarda l'annuncio della Fisker Pear, considerando che attualmente in Usa è previsto un credito d'imposta federale di 7.500 dollari, questo nuovo modello urbano costerebbe alla fine meno di 22.500 dollari (21.500 euro) diventando dunque accessibile per molti utenti.
    Il presidente e Ceo Henrik Fisker - che ha rifondato l'azienda col suo nome nel 2016 dopo il fallimento della prima Fisker che aveva operato dal 2007 al 2013- ha anticipato per la Pear una nuova tecnologia di illuminazione e la presenza di parabrezza anteriore avvolgente ispirato ai tettucci in vetro degli alianti, con funzionalità e soluzioni tecnologiche che "cambieranno anche il modo in cui utilizziamo un veicolo in città". 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie