Stellantis: Tavares, carenze semiconduttori anche nel 2022

Decisioni su impianto batterie in Nordamerica entro fine 2021

Redazione ANSA MILANO

 La carenza di semiconduttori si trascinerà fino al 2022. A sostenerlo, aggiungendo che si osserva un aumento dei costi di produzione dei chip, è stato il ceo di Stellantis, Carlos Tavares, in un webinar con l'Automotive Press Association (Apa), come riporta Bloomberg.
    Tavares ha spiegato che Stellantis sta lottando per consegnare i veicoli a causa della carenza di chip e questi intoppi si trascineranno fino al 2022, proprio per la carenza di semiconduttori, che riguarda non solo Stellantis, ma anche le altre case automobilistiche.
    Da Tavares è arrivata anche una conferma del fatto che il gruppo investa nella tecnologia degli accumulatori allo stato solido, spiegando che sono in corso colloqui per la fornitura di litio, ma senza fornire dettagli, e che verranno prese decisioni per un impianto di batterie in Nordamerica entro la fine del 2021 e che il marchio potrebbe puntare ad avere un impianto di batterie in Canada.
    Tra gli argomenti toccati dall'ad anche quello del mercato cinese, per cui ha annunciato che verrà svelata la strategia entro la fine dell'anno. Ha affermato intanto che Stellantis intende vendere in Cina un'Opel completamente elettrica. 
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie