Usato in rosso ad aprile: segno più per le due ruote

Continuano a spopolare le alimentazioni benzina e diesel

Redazione ANSA ROMA

Segno meno ad aprile per il mercato delle auto di seconda mano, che chiude il bilancio mensile con 242.215 passaggi netti di proprietà, evidenziando un calo del 4,5% rispetto al mese di aprile 2019, ultimo aprile "normale" considerato che aprile 2020 è stato trascorso in totale lockdown.
    Nonostante il dato negativo, - secondo quanto reso noto da Aci - anche ad aprile il mercato dell'auto usata dimostra tuttavia una maggiore capacità di tenuta rispetto alle prime iscrizioni: sia nel mese di aprile che nel primo quadrimestre 2021 per ogni 100 autovetture nuove ne sono state vendute 168 di seconda mano.
    A differenza del mercato del nuovo, dove nel quarto mese dell'anno si è registrato un aumento delle vendite di ibridi a benzina, l'usato continua a registrare la prevalenza delle alimentazioni tradizionali (diesel e benzina), anche se la quota dell'ibrido a benzina inizia a prendere consistenza (2%) e si registrano le prime compravendite di auto elettriche (0,3%). Le auto diesel, infine, primeggiano nettamente nelle minivolture (58,1%).
    Piena conferma, invece, per l'andamento positivo del mercato dei motocicli di seconda mano: i passaggi netti di proprietà delle due ruote con 68.957 formalità presentate al PRA hanno infatti registrato ad aprile un eclatante incremento del 25,6% rispetto all'analogo mese del 2019 (+19,6% in termini di media giornaliera).
    Rispetto al primo quadrimestre 2020, la crescita complessiva dei trasferimenti di proprietà nel primo quadrimestre 2021 si attesta sul 53,6% per le autovetture, sul 124,8% per i motocicli e sul 63,3% per tutti i veicoli.
    Chiusura contrastata, infine, per le radiazioni di autovetture che hanno messo a bilancio un incremento del 4,3% rispetto ad aprile 2019, che tuttavia scende in terreno negativo in termini di media giornaliera (-0,7%). A trainare il segmento, ancora una volta, soprattutto l'aumento delle rottamazioni (+17,5%), in gran parte incentivate. Il tasso unitario di sostituzione risulta pari a 0,93 nel mese di aprile (ogni 100 auto nuove ne sono state radiate 93) e a 0,91 nell'intero primo quadrimestre dell'anno. In crescita, all'opposto, le radiazioni di motocicli, che hanno messo a segno un incremento dell'8,3% rispetto ad aprile 2019, limato al 3,1% in termini di media giornaliera.
    Complessivamente il primo quadrimestre del 2021 in confronto allo stesso quadrimestre del 2020 ha archiviato nel settore delle radiazioni crescite del 61,6% per le autovetture, del 56,3% per i motocicli e del 60% per tutti i veicoli.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie