Design & Giardino

Nel variopinto mondo delle peonie

Conoscerle, curarle, ammirarle, ecco i consigli

 © Ansa
  • Redazione ANSA
  • 26 maggio 2022
  • 21:43

Un profumo che inebria, petali rigogliosi e poi i colori, tantissimi. La peonia è una delle piante indubbiamente più belle e amate, con una ricchezza cromatica particolare. Maggio è per eccellenza il suo mese. Ecco una guida, dagli esperti di Colvin, per entrare nel variopinto mondo delle peonie:
Peonia rossa - rispetto e passione: un significato dalle origini lontane, sia temporalmente che geograficamente. Gli imperatori cinesi usavano il rosso come simbolo di ricchezza, rispetto e prosperità. Proprio per questo la peonia rossa significa rispetto. Non dimentichiamoci però che nell’immaginario collettivo il rosso simboleggia anche la passione, quindi la peonia può essere regalata anche con questo significato.
Peonia blu - infinito: ovvero amore eterno (talvolta l’amore irraggiungibile), Il blu è il colore del cielo e del mare, per questo si collega all’idea di immensità e libertà. Il significato non si limita alla sfera amorosa, anzi. Una peonia blu è simbolo di lealtà e sincerità, perfetto da regalare a una persona amica a cui ci si sente particolarmente legati.
Peonia rosa- bellezza e innamoramento: è la più diffusa e comune. La peonia rosa è simbolo di unione e bellezza, viene spesso usata per i matrimoni e rimanda all’irresistibile attrazione tra gli innamorati, quella passione tipica di quando ancora non ci si conosce a fondo.
Peonia bianca - perdono: Le peonie bianche sono legate alla purezza e alla timidezza. Simboleggiano l'amore discreto, che fa un passo alla volta. Il bianco è il colore della sposa, per questo si usa anche nelle celebrazioni di matrimoni. È inoltre la scelta giusta per rimediare a un errore e per chiedere scusa.

Per quanto riguarda la cura di queste meravigliose piante, i consigli arrivano direttamente da PeoniamiA, azienda florovivaistica, situata nel comune di Castel San Pietro Terme in provincia di Bologna, specializzata nella coltivazione e nella produzione di fiori e piante di peonia (nonché tra i fornitori di Colvin). Come curare le peonie in vaso?
Se le peonie sono reduci da un viaggio, avranno sicuramente bisogno di essere aiutate a ritrovare il loro vigore. Prima di immergere i gambi in acqua vanno puliti bene, togliendo del fogliame, fino al punto di massima immersione.
È poi essenziale rinnovare il taglio facendo con un coltellino affilato un taglio obliquo e ripetere l’operazione ogni due/tre giorni tagliando circa 3 cm di stelo. Bisognerà infine pulire i fiori togliendo petali e foglie sciupati o rotti.
Come scegliere il vaso?
Si consiglia di optare per un vaso di opportune dimensioni e forma, anche per garantire sufficiente quantità di riserva d’acqua per compensare quella che gradualmente viene assorbita per traspirazione. È importante assicurarsi di non ammassare i fiori nel vaso, in modo che i boccioli abbiano lo spazio per aprirsi e l’aria possa circolare liberamente tra un fiore e l’altro.
Consigli per l’innaffiatura
Importante: non lasciare mai i fiori senz’acqua e verificare quotidianamente che la quantità nel vaso sia sufficiente, ma non eccessiva. Giornalmente, bisognerà pulire i contenitori e cambiare l’acqua (se non si usa un conservante per fiori recisi) usando preferibilmente acqua tiepida (ideale a circa 20°C). Se invece si utilizza un conservante apposito, bisognerà cambiare l’acqua almeno ogni tre giorni, rabboccando se necessario. In alternativa al conservante si possono usare:
- candeggina, nella dose di un cucchiaino per ogni litro d’acqua;
- succo di limone, nella dose di un cucchiaino per ogni litro d’acqua;
- aspirina, nella dose di una per ogni litro d’acqua.
Da non dimenticare: luce e temperature calde accelerano la fioritura, mentre buio e freddo la rallentano.
Se le peonie arrivano molto chiuse, ci sono dei consigli per farle sbocciare rapidamente? Se si desidera accelerare l’apertura di boccioli chiusi, si possono mettere in atto alcuni accorgimenti:
● agire con garbo sui sepali cercando di aprirli, staccandoli dai petali senza strapparli dal bocciolo;
● defogliare quasi completamente gli steli lasciando solo un palco di foglie;
● rinnovare il taglio e immergere i fiori in acqua tiepida, tenendoli poi alla luce e in ambiente caldo;
Inoltre può essere utile sapere che:
● i fiori semplici si aprono più rapidamente di quelli con più file di petali;
● un'immersione in acqua tiepida (20°C) favorisce la maggiore dilatazione dei vasi linfatici con conseguente maggior apporto d'acqua alla corolla e una migliore apparenza del fiore;
● i boccioli raccolti troppo chiusi fanno fatica ad aprirsi e a volte addirittura non si aprono
Quanto durano, in media, le peonie recise?
La durata in vaso può variare molto, in base a diversi fattori, da un minimo di 5 giorni a un massimo di 10/15 giorni e più. Dipende prettamente dalla varietà e dalla qualità dei fiori, che a sua volta dipende da come sono stati coltivati, raccolti, trattati dopo la raccolta e dalla durata della loro conservazione prima di essere messi in vaso.
È vero che le peonie hanno proprietà medicinali?
La peonia non viene sfruttata solamente per la bellezza, il suo portamento elegante o i colori incantevoli, ma è utilizzata da migliaia di anni sia in Oriente che in Occidente come pianta medicamentosa nella medicina tradizionale europea, perso-araba, indiana e cinese.

  • Redazione ANSA
  • 26 maggio 2022
  • 21:43

Condividi la notizia

Vai al Canale: ANSA2030
Modifica consenso Cookie