In bene confiscato a camorra nasce la sartoria sociale

Imprenditrici quindici ragazze a rischio esclusione scolastica

Redazione ANSA NAPOLI

(ANSA) - NAPOLI, 13 MAG - Quindici ragazze a rischio di essere escluse dalla scuola a causa dell'alto numero di assenze hanno frequentato un corso di formazione professionale Iefp in sartoria e ora si apprendono a diventare imprenditrici in un'azienda sociale in un bene confiscato alla camorra. Accade nel 'difficile' quartiere napoletano di Scampia. Lunedì prossimo la loro esperienza sarà presentata al centro Hurtado. Il loro è un percorso di formazione triennale (promosso da Anpal Servizi) che oggi, all'avvio del quarto anno, diventa anche impresa e lavoro per il territorio. Queste studentesse, recuperate alla dispersione scolastica, otterranno il diploma di Tecnico dell'abbigliamento e dei prodotti tessili della casa. Nel contempo - in occasione della presentazione dell'iniziativa - sarà presentata l'impresa sociale che vedrà la trasformazione di queste ragazze in imprenditrici della sartoria con una propria attività a Secondigliano.
    L'esperienza dei corsi IeFP avviati a Scampia ha già prodotto la nascita di un marchio 'Napolillegal', in corso di registrazione: un nome che, si spiega, è la dicotomia tra bene e male che racchiude in sè la possibilità per ogni individuo di scegliere.
    Ed è anche nata una linea di abbigliamento sportivo giovanile ideata e confezionata da giovani che sono anche testimonial e comunicatori sui canali social. (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA