/ricerca/ansait/search.shtml?tag=
Mostra meno

Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Sulle famiglie una stangata d'autunno da 1.600 euro

Sulle famiglie una stangata d'autunno da 1.600 euro

Pesano rincari scuola, mutui, bollette, benzina, bar, ristoranti

ROMA, 04 settembre 2023, 19:26

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Arriva l'autunno e puntualmente per le famiglie è in arrivo la stangata. Tra bollette, alimentari, scuola, mutui, benzina e ristorazione gli italiani vanno incontro ad un salasso da 1.600 euro a famiglia. A fare i calcoli è Assoutenti che prevede rincari di 190 euro per gli alimentari, di circa 95 euro per il corredo scolastico, di più di 100 euro per i carburanti. Le note dolenti riguardano però i mutui, con oltre 1.100 euro in più. "Chiediamo al governo di rafforzare subito il taglio al cuneo, allargare il paniere anti-inflazione e intervenire sulle accise, perché anche un taglio di appena 10 centesimi determinerebbe, considerata anche l'Iva, un risparmio diretto di oltre 6 euro a pieno", afferma il presidente dell'associazione Furio Truzzi. Dal canto suo il governo, nella prossima manovra, punta a tagliare il cuneo fiscale, quindi il costo del lavoro, per aumentare il potere d'acquisto delle famiglie, fornire poi un sostegno ai redditi bassi per far fronte al caro carburanti, nella forma, probabilmente, di una bonus card simile a quella per la spesa alimentare. Viene escluso, invece, un taglio delle accise orizzontale perché, secondo l'esecutivo, rischierebbe di avere "l'effetto opposto" e privilegiare i redditi più alti. Al banco i prodotti alimentari costano oggi il 10,1% in più rispetto allo scorso anno, un trend che se confermato nei prossimi mesi, denuncia l'associazione dei consumatori, porterebbe la spesa per cibi e bevande di una famiglia tipo "a salire di 190 euro". E a settembre riaprono naturalmente le scuole: i prodotti di cartoleria segnano un aumento attorno al 9% su base annua. Una famiglia che deve acquistare tutto il corredo per l'intero anno scolastico (zaino, diario, astuccio, penne, matite, quaderni,) si ritrova così a pagare circa 50 euro in più rispetto al 2022.
    C'è poi il rincaro dei libri con aumenti tra il 4 e il 12%, pari a 45 euro in più. Più caro anche spostarsi in auto: nel periodo settembre-dicembre 2022 il prezzo della benzina si è attestato in media a 1,679 euro al litro contro 1,947 euro di oggi, secondo i dati del Mase. Se i listini alla pompa dovessero mantenersi ai livelli attuali, ipotizzando due pieni al mese a famiglia, la spesa salirebbe nell'ultimo quadrimestre di 107 euro rispetto al 2022, avverte Assoutenti. Si riaccende poi l'allarme bollette: in base alle previsioni degli analisti, la luce rischia di rincarare tra il 7 e il 10% nel prossimo trimestre (pari a 16 euro in più a famiglia) e il gas per il mese di agosto attorno al +2%. Va molto peggio sul fronte dei mutui: nelle prossime riunioni della Bce, ricorda Assoutenti, potrebbero essere decisi ulteriori aumenti dei tassi di interesse. Oggi un mutuo a tasso variabile dell'importo medio di 125mila euro a 25 anni (la categoria di finanziamento per acquisto prima casa più diffusa in Italia) costa in media il 60% in più rispetto a inizio 2022, con la rata mensile salita in media di circa 270 euro. Ipotizzando un ritocco dei tassi dello 0,25% in tutte e tre le riunioni Bce, la spesa per le rate mensili del periodo settembre-dicembre risulterebbe più cara complessivamente di circa +1.170 euro rispetto al 2022. Sarà più caro anche mangiare nei ristoranti e consumare nei bar, considerati i rincari scattati nei locali pubblici di tutta Italia: in questo comparto, conclude l'associazione, l'aggravio di spesa sarà di circa +28 euro a famiglia in 4 mesi. La stangata d'autunno è servita.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza