Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

I "Nimby" al Museo del rock, la forza della musica

I "Nimby" al Museo del rock, la forza della musica

Band catanzarese presenta il nuovo singolo "Avatar" e il video

CATANZARO, 06 dicembre 2023, 12:23

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Un concerto dal forte impatto grazie a musicisti dalle grandi capacità e già esperti, malgrado la loro giovane età. Ha suscitato ampi consensi l'esibizione al Museo del rock di Catanzaro del gruppo post-punk "Nimby", che ha presentato il suo nuovo singolo "Avatar" ed il video che lo accompagna.
    Piergiorgio Caruso, fondatore del Museo del rock, ne ha parlato in termini molto positivi, definendoli una "bella band.
    Sono figli mediterranei degli Stooges e scrivono tutto da soli.
    Hanno inventiva e idee chiare e, ormai, anche esperienza".
    I Nimby nascono nel 2009 su iniziativa di Tommaso La Vecchia, voce e chitarra, e Aldo Ferrara, chitarrista, il rapporto tra i quali è iniziato all'università di Catanzaro. A loro, a completare la band, si sono uniti poi Vins Perri, batteria e cori, e Manuel Grandinetti, basso.
    "Sin dai primi contatti - - racconta Aldo Ferrara - abbiamo deciso subito di fondere le nostre influenze e di fare questo percorso insieme. I testi, scritti soprattutto da Tommaso La Vecchia, sono basati su un obiettivo sociale e sull'osservazione della realtà esterna, mentre in precedenza erano dedicati all'introspezione ed alla contemplazione. La prospettiva é cambiata: anziché guardarsi dentro si guarda fuori e si racconta un'emersione di fenomeni che l'artista cerca di cogliere, senza dare soluzioni, osservandoli e cercando di sublimare quello che vede, anche le cose più negative. Questo é il nostro compito di musicisti che vogliono fare un percorso autentico e indipendente. I nostri testi possono anche suscitare stimoli, facendo presente che esistono dei problemi che vanno affrontati e che vanno denunciate certe dinamiche e certi squilibri.
    L'artista, come ha sempre fatto, dà degli input positivi per riflettere e magari anche cambiare la testa di certe persone".
    "Adesso - racconta ancora Ferrara - stiamo attraversando una fase compositiva nuova che è stata 'sposata' dall'etichetta discografica 'Semplicemente dischi' di Peters Loscavo. Ed abbiamo iniziato questo percorso in digitale con il singolo 'Avatar', accompagnato da un video realizzato da Raffaele Rotundo, studente dell'Accademia di Belle arti di Catanzaro consigliatoci dal docente Andrea Grosso Ciponte".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza