Fondi Ue: nel 2020 spesi 92,2 milioni per l'agricoltura

L'assessore Fanelli, "superato obiettivo imposto da regolamenti"

Redazione ANSA POTENZA

(ANSA) - POTENZA, 19 GEN - La Regione Basilicata "ha raggiunto, superandolo, l'obiettivo di spesa imposto dai regolamenti europei" e, al 31 dicembre 2020, la spesa sostenuta nell'anno è stata di circa 92,2 milioni di euro "raggiungendo un totale di circa 348 milioni nell'attuale periodo di programmazione, di cui il 49% per investimenti tesi a conseguire l'obiettivo di competitività innovazione del sistema agroalimentare, il 45% per interventi agro ambientali, il 3% per il programma Leader, e il 3% per assistenza tecnica". E' quanto ha spiegato in una conferenza stampa l'assessore regionale all'agricoltura, Francesco Fanelli.
    Le domande di pagamento istruite e ammesse al finanziamento sono state 5.714, e "si è quindi raggiunto il target di spesa che pone al riparo dal 'disimpegno automatico' delle risorse comunitarie". Fanelli ha quindi evidenziato che "l'anno trascorso è stato pesantemente condizionato dalla pandemia, ma abbiamo cercato di dare risposte ai problemi dei lucani, nell'ordinario, con una macchina amministrativa più efficiente, ma la soddisfazione più grande è stato l'avanzamento del Psr e il raggiungimento degli obiettivi di spesa. Abbiamo messo in campo anche azioni per fronteggiare l'emergenza Covid, come le misure per il settore lattiero caseario, o per il ristoro delle aziende agrituristiche e didattiche".
    Per quanto riguarda invece il futuro della giunta regionale, Fanelli ha spiegato che "si lavora in piena sinergia, posso dirlo con tranquillità, e siamo tutti consapevoli che è necessario collaborare in modo unito per il bene della comunità e del territorio: chiaramente il 2020 è stato un anno condizionato dal virus, siamo in piena emergenza ma metteremo in campo ogni azione utile per il ben dei lucani". (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Archiviato in


        Modifica consenso Cookie