Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Nuclei cure primarie, manifestanti nella sede Asl all'Aquila

Nuclei cure primarie, manifestanti nella sede Asl all'Aquila

Occupata sala del piano inferiore degli uffici amministrativi

L'AQUILA, 22 febbraio 2024, 21:48

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

"Vogliamo risposte immediate attraverso atti amministrativi che garantiscano la sostituzione dei medici in servizio ai Nuclei di cure primarie". Sono le parole di Francesco Marrelli, segretario generale Cgil per la provincia dell'Aquila, al sit-in a sostegno dei presìdi distribuiti sul territorio per assicurare la massima accessibilità dei cittadini all'assistenza di base. Una mobilitazione che ha portato i manifestanti a occupare, all'Aquila, una sala nel piano inferiore della sede amministrativa in via Saragat. I manifestanti, riuniti dai sindacati Fimmg, Smi, Snami e la stessa Cgil, si sono ritrovati nel cortile della direzione amministrativa della Asl e hanno animato una protesta autorizzata che si è mantenuta pacifica, anche se momenti di tensione sono stati registrati al momento in cui tutti i partecipanti, e non solo una delegazione, hanno cercato e ottenuto la possibilità di varcare il cancello di ingresso per poi entrare nella sede Asl per interagire con i vertici dell'organizzazione o con rappresentanti degli enti locali.
    Tra i presenti anche alcuni consiglieri comunali e regionali.
    Diversamente dalle altre Asl in Abruzzo, la Asl dell'Aquila ha avviato, da due anni a questa parte, uno smembramento dei Nuclei, impedendo la sostituzione dei medici prossimi alla pensione e minacciando, di fatto, la fruizione di un servizio che preserva la salute di circa 50mila utenti presenti sul territorio e che va avanti solo grazie al contributo dei giovani medici che hanno preso in carico gli assistiti già assegnati al personale in quiescenza.
    Il de-finanziamento di queste strutture, portato avanti dalla Asl, secondo cittadini e sindacati determinerà a breve la chiusura delle stesse. "Non stiamo occupando questo spazio - hanno spiegato i manifestanti - ce lo siamo ripreso, questi luoghi ci appartengono ed è inaccettabile che nessuno tra i vertici Asl, il sindaco dell'Aquila Pierluigi Biondi e il governatore Marco Marsilio, voglia interloquire con noi".
   
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

Guarda anche

O utilizza