Valle d'Aosta

Interdittiva antimafia a due aziende agricole valdostane

Per problemi giudiziari avuti dai loro amministratori

Il questore di Aosta, Ivo Morelli, ha emesso due interdittive antimafia a carico di altrettante aziende agricole – La Forge e La Grandze de Padan – a cui viene quindi preclusa la possibilità di avere rapporti contrattuali con la pubblica amministrazione. I due provvedimenti non sono relativi a infiltrazioni della criminalità organizzata ma fanno riferimento alla modifica del codice antimafia, che rende passibili di interdittiva le aziende con amministratori che hanno avuto problemi giudiziari per reati come la truffa ai danni dello stato e la truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche.
    A partire dal 2015, altre tre aziende agricole sono state destinatarie di interdittiva antimafia per motivi analoghi.
    Negli altri sette casi invece si è trattato di società (una di noleggio autoveicoli e sei imprese edili o di movimento terra) considerate a rischio di infiltrazioni mafiose.
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA


      Vai al Canale: ANSA2030
      Vai alla rubrica: Pianeta Camere



      Modifica consenso Cookie