Insulti web per Pride parade, chiesto giudizio per nove

Dopo denuncia associazione Perugia per difesa diritti gay

(ANSA) - PERUGIA, 14 SET - Nove rinvii a giudizio sono stati chiesti dalla procura di Perugia in relazione ad alcuni commenti sul web relativi alla Pride parade che si svolse nel 2019 nel capoluogo umbro e per i quali i magistrati hanno ipotizzato a vario titolo i reati di 'propaganda e istigazione a delinquere per motivi di discriminazione razziale, etnica e religiosa' o diffamazione. Parte lesa nel procedimento l'associazione Omphalos impegnata per la difesa dei diritti degli omosessuali che ha reso nota la notizia.
    "Al rogo", "ve ce vorrebbe il fascismo almeno lo provate", "giù di manganello" alcune delle frasi al centro dell'indagine.
    Per Bucaioni "non è pensabile che si possa utilizzare una simile violenza in modo così gratuito e pensare di farla franca".
    "Insultare le persone per il loro orientamento sessuale o per la loro identità di genere nel 2020 - aggiunge - non può essere più considerata solo ignoranza. Il vero problema è che fin quando non ci sarà una condanna forte e unanime da parte di tutto l'arco politico e delle istituzioni, certe persone continueranno a sentirsi giustificate". (ANSA).
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA


      Vai al Canale: ANSA2030
      Vai alla rubrica: Pianeta Camere



      Modifica consenso Cookie