Regione Umbria, rinviare Plastic tax

Per "drastico rallentamento economia" in seguito epidemia

La Regione Umbria "suggerisce" il rinvio di un anno dell'entrata in vigore della Plastic tax, dal 1 luglio 2020 alla stessa data del 2021, per il "drastico rallentamento dell'economia" a causa dell'epidemia di coronavirus.
    Una situazione che - secondo Palazzo Donini - sta "mettendo in estrema difficoltà la grandissima parte delle imprese, che si sono trovate a far fronte a diverse difficoltà quali le interruzioni della supply chain, cali di domanda, il rallentamento delle attività di vendita e comunicazione, cancellazione di eventi, la lievitazione dei costi legati alle misure di contenimento e, nei casi più gravi, la riduzione dei turni di lavoro o addirittura il fermo degli stabilimenti, con conseguenze occupazionali". "Le imprese ora più che mai - sostiene la Regione Umbria - necessitano di energici stimoli alla ripartenza, e non sarebbero in grado di sostenere ulteriori aggravi di costi".
   

La Regione Umbria ha suggerito il rinvio dell'entrata in vigore della Plastic tax attraverso l'assessore allo Sviluppo economico Michele Fioroni.

    RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

    Video ANSA


    Vai al Canale: ANSA2030
    Vai alla rubrica: Pianeta Camere



    Modifica consenso Cookie