Preoccupazione per circa 200 precari nei musei trentini

Occupati in didattica, biglietteria, accoglienza e sorveglianza

(ANSA) - TRENTO, 10 APR - Gli oltre duecento lavoratori dipendenti delle aziende appaltatrici dei servizi museali del Trentino si trovano in uno stato di grande preoccupazione per la riduzione delle attività museali a seguito delle limitazioni delle visite imposte dall'emergenza Covid-19 e per la riprogrammazione del bilancio richiesta dalla Provincia ai dirigenti dei musei trentini per il contenimento della spesa.
    Roberta Piersanti, referente del settore per la Funzione pubblica Cgil, spiega in una nota che "questi lavoratori - principalmente occupati nei servizi della didattica, ma anche in quelli di biglietteria, accoglienza e sorveglianza tra Muse (80), Museo Storico, Buonconsiglio e Mart (60), e altri - rischiano di pagarne le conseguenze in prima persona, con tagli di retribuzioni e perdita dei posti di lavoro".
    La Fp Cgil chiede l'apertura urgente di un tavolo per capire quali siano le soluzioni che la Provincia intende attivare per la tutela di queste lavoratrici e lavoratori.
    "Abbiamo più volte richiesto una soluzione politica per la re - internalizzazione di questi servizi nel perimetro pubblico, visto che si tratta di attività di "core" del sistema museale trentino che a più riprese esprime - attraverso i propri autorevoli vertici - le ambizioni di eventi e iniziative di respiro nazionale e internazionali, che non possono evidentemente fondarsi su lavoro precario e sottopagato", afferma Roberta Piersanti. (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Videonews Alto Adige-Südtirol

        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere



        Modifica consenso Cookie