Malaysia: Alta Corte boccia legge statale contro sesso gay

Per la comunità Lgbt è un verdetto 'storico'

(ANSA) - KUALA LUMPUR, 25 FEB - Un malese ha vinto oggi la prima battaglia legale nel Paese contro le leggi islamiche che vietano i rapporti sessuali tra gay. Si tratta di un verdetto "storico" secondo gli attivisti gay della Malaysia, che rappresenta un passo avanti "monumentale" nella lotta alla persecuzione della comunità Lgbt.
    L'uomo, di cui non è stata resa nota l'identità, era stato accusato da un tribunale islamico nel 2019 di avere cercato di "fare sesso contro l'ordine della natura".
    In Malaysia i tribunali islamici si occupano di alcune questioni riguardanti i cittadini musulmani (circa il 60% della popolazione) e le leggi della sharia vengono stabilite dai singoli Stati. Nel caso specifico, l'uomo era stato giudicato da un tribunale dello Stato di Selangor, che vieta il sesso gay.
    Tuttavia, le leggi locali non possono entrare in conflitto con la legislazione federale e la sodomia seppure è un reato a livello nazionale, raramente viene perseguita.
    Nella sua sentenza, l'Alta Corte del Paese si è quindi schierata a favore dell'uomo che ha presentato il ricorso, stabilendo che la legge in questione dello Stato di Selangor è illegale. (ANSA).
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA




      Modifica consenso Cookie