Sinodo: Chiesa si occupi di convivenze

Vescovi confermano il no a unioni gay ma sì battesimo per figli

(ANSA) - VATICANO, 26 GIU - Tra le situazioni familiari "difficili" cui la Chiese deve dare adeguate risposte, secondo l'Instrumentum Laboris del prossimo Sinodo dei Vescovi, ci sono convivenze, unioni di fatto, separati, divorziati e risposati, i figli che restano soli, le ragazze madri. Tutte le Conferenze episcopali, inoltre, sono contro le leggi sulle unioni gay: ma se chi vive tali unioni chiede il battesimo per il bambino, il piccolo va "accolto con la stessa cura e tenerezza" degli altri bambini.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA




Modifica consenso Cookie