Moto: Andalusia; l'Aprilia porta a punti Smith

Espargarò cade mentre lottava per la top ten

(ANSA) - ROMA, 26 LUG - Era partita con il piede giusto la gara del pilota Aprilia Aleix Espargarò a Jerez de la Frontera, capace di recuperare cinque posizioni nel corso del primo giro.
    Una volta arrivato a lottare per la top-10, il pilota spagnolo ha iniziato a impostare il suo ritmo, fino ad una sfortunata scivolata nel corso della nona tornata che gli ha impedito di chiudere con un sorriso questa doppia trasferta.
    Ha dovuto invece fare i conti con la confusione della prima curva Bradley Smith, coinvolto senza responsabilità in un contatto che lo ha costretto a rallentare. Ripartito, Bradley ha portato a termina una gara accorta e, grazie anche a qualche defezione, è transitato sotto la bandiera a scacchi in dodicesima posizione. Risultato che vale a lui e alla nuova Aprilia RS-GP altri 4 punti iridati.
    "Sono dispiaciuto per il team che dopo tante ore di lavoro non ha avuto la soddisfazione di concludere la gara - ha commentato Espargarò - Ho fatto una buona partenza, ma per mantenere il passo con gli avversari devo evidentemente correre più rischi e avvicinarmi molto al limite, specialmente a centro curva per aiutare l'accelerazione. Iniziare la stagione con due ritiri non è il massimo, ma io affronto le gare dando sempre il 100%, per portare Aprilia a lottare con i migliori".
    "In questa seconda gara abbiamo fatto qualche progresso, specialmente nel riuscire a mantenere il distacco con chi mi precedeva. Purtroppo ho perso tantissimo tempo alla prima curva - le parole di Smith - dovendo rallentare molto per evitare i piloti caduti. Ho fatto la scelta più intelligente, senza correre rischi inutili. E' stato un peccato perché mi sarebbe piaciuto rimanere nel gruppo. Tra gli aspetti positivi sicuramente c'è l'essere riusciti a concludere entrambe le gare senza grossi problemi. So anche che i ragazzi hanno già pronte delle soluzioni per risolvere alcune degli aspetti emersi durante questi due weekend". (ANSA).
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA




      Modifica consenso Cookie