Hamilton si scusa per sfogo domenica, sono umano anch'io

Dopo penalità in gara Sochi disse, stanno cercando di fermarmi

(ANSA) - ROMA, 29 SET - Lewis Hamilton si è scusato via social per le accuse rivolte domenica a Sochi ai boss della Formula 1 dopo la doppia penalizzazione subita per comportamenti irregolari nel pre gara. "Stanno cercando di fermarmi, ma va bene così - aveva detto il pilota della Mercedes -. Sono abbastanza sicuro che nessuno abbia mai ricevuto due penalità di cinque secondi per qualcosa di così ridicolo".
    Oggi la parziale marcia indietro, con un post sui social: "Posso non comportarmi sempre bene di fronte alle avversità, potrei non reagire sempre nel modo in cui si vorrebbe che facessi quando le tensioni sono alte - scrive Hamilton - ma dopotutto sono un essere umano e ho una gran passione per quello che faccio. Sto imparando e crescendo ogni giorno, apprenderò dalle lezioni e continuerò a lottare. Grazie a coloro che continuano a sostenere e sono lì a combattere con me".
    Hamilton dovrà ora aspettare fino al Gp di Germania dell'Eifel, l'11 ottobre prossimo, per eguagliare il record di vittorie d Michael Schumacher, obiettivo mancato a Sochi - dove ha chiuso al terzo posto - proprio per la penalizzazione subita.
    Nella classifica piloti - che punta a vincere per la settima volta, anche in questo caso eguagliando il primato di Schumi - il britannico ha 44 punti di vantaggio sul compagno di squadra Valtteri Bottas, vincitore domenica del Gp di Russia. (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA




        Modifica consenso Cookie