Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Meloni: 'La sinistra usa Mattarella contro il premierato'

Meloni: 'La sinistra usa Mattarella contro il premierato'

'Con il Colle ottimo rapporto, non abbiamo toccato i suoi poteri'. ALL'INTERNO IL VIDEO

03 marzo 2024, 10:12

dell'inviato Paolo Cappelleri

ANSACheck
Giorgia Meloni e Justin Trudeau © ANSA/AFP
Giorgia Meloni e Justin Trudeau © ANSA/AFP

Giorgia Meloni all 'incontro il presidente Biden RIPRODUZIONE RISERVATA

Si è conclusa la doppia missione della premier Giorgia Meloni in Stati Uniti e Canada. La delegazione italiana è decollata dall'aeroporto di Toronto, ed è in volo verso Roma. Annullato il ricevimento in Canada per problemi di sicurezza per le proteste pro-Palestina.

 

È stato annullato il ricevimento organizzato da Justin Trudeau in onore di Giorgia Meloni a Toronto. Lo ha comunicato personalmente lo stesso primo ministro canadese alla premier italiana. Una decisione legata a motivi di sicurezza, per la manifestazione pro-Palestina che si è radunata davanti alla Art Gallery dell'Ontario. A seguito dell'annullamento dell'evento, la Meloni ha contattato telefonicamente i rappresentanti della comunità italiana per portare i suoi saluti. I manifestanti si sono radunati con cartelli e striscioni nel pomeriggio davanti all'ingresso dell'Art Gallery bloccandolo, inizialmente in alcune decine, poi il numero è aumentato. Al terzo piano del museo il ricevimento era iniziato con i rappresentanti della comunità italocanadese, ma senza Trudeau e la Meloni, che non erano riusciti a raggiungere il luogo del ricevimento a causa delle manifestazioni.

Nel mirino non c'era il presidente della Repubblica, con cui il rapporto è "ottimo", ma la sinistra, che cerca di aprire "una crepa" fra Palazzo Chigi e il Colle "per fare una campagna contro il premierato e per un interesse di partito". Giorgia Meloni chiarisce così cosa intendeva dire mercoledì scorso, dopo gli scontri al corteo di Pisa, indicando il pericolo di "togliere il sostegno delle istituzioni" alle forze dell'ordine. Su questo si sono concentrati i venti minuti del punto stampa alla fine della doppia missione fra Washington e Toronto, una due giorni dal bilancio "molto positivo" in cui gli alleati hanno condiviso le priorità del G7 italiano. 

 

Al ritorno la premier dovrà decidere se chiedere verifiche in Sardegna ("Intanto aspettiamo la fine di questo primo riconteggio") e sarà impegnata con gli altri leader del centrodestra martedì a Pescara per l'ultima spinta a Marco Marsilio, con la speranza di evitare un nuovo flop. Fra Usa e Canada la presidente del Consiglio incassa il sostegno di due preziosi alleati, Joe Biden e Justin Trudeau (con il Canada sigla anche una Roadmap per una cooperazione rafforzata), insiste sulla necessità del dialogo per arrivare a una de-escalation in Medio Oriente, sull'importanza della risposta agli Houthi nel Mar Rosso, e si confronta sull'utilizzo dei fondi russi congelati in Europa, che sì "sarebbe giusto usare per ricostruire l'Ucraina", ma è difficile dal punto di vista finanziario e legale. Così per ora meglio concentrarsi sulla soluzione europea che riguarda gli extraprofitti generati da quei fondi, un'ipotesi su cui ragionare anche al G7.

ll suo bilancio, però, nel punto stampa le domande puntano soprattutto sulle tensioni che da giorni animano il dibattito politico italiano. Secondo Meloni "c'è un tentativo di costruire uno scontro artefatto con il presidente della Repubblica, che non esiste: è sbagliato e una forte mancanza di rispetto tentare di utilizzarlo della sinistra che non vuole che i cittadini possano scegliere direttamente chi li governa". Il premierato è alla base di tutto, una riforma che - è la tesi della premier - "volutamente non tocca i poteri del capo dello Stato, perché so che il presidente Mattarella è una figura di garanzia, è un'istituzione unificante". A preoccupare la premier non sono quindi gli spifferi dal Quirinale riportati dalla stampa, perché "di solito il Quirinale non fa filtrare i propri umori, quando ha qualcosa da dire la dice: dubito possano essere filtrati malumori su una cosa del genere: se qualcuno pensa che potessi riferirmi a Mattarella, vuol dire che pensa che lui abbia tolto il sostegno alle forze dell'ordine. Io non lo penso questo". Anzi, la premier considera il capo dello Stato "diverso da altri politici" anche perché "quando alcuni poliziotti sono stati circondati da esponenti dei centri sociali che tentavano di liberare un immigrato irregolare che doveva essere rimpatriato, ha alzato il telefono e espresso solidarietà agli agenti".

Lo ha chiarito più volte davanti ai giornalisti, "anche i parlamentari sono un'istituzione, e ce l'avevo con sinistra sempre capace di criticare quando cose vanno male ma mai capace esprimere solidarietà alle forze dell'ordine, che hanno visto in questo ultimo anno 120 agenti in ospedale feriti durante le manifestazioni". Meloni ricorda che dal 7 ottobre ci sono state "oltre mille manifestazioni pro-Palestina", che in generale "è meglio non usare i manganelli" e ammette che negli ultimi casi "probabilmente qualche errore è stato fatto: però non mi piace che nell'1,5% dei casi in cui le cose vanno male si generalizzi sulle forze dell'ordine". Mentre riparte per Roma, la Sardegna aspetta finalmente un risultato definitivo. Meloni assicura di "non essere pentita" di aver puntato su Paolo Truzzu, ma per ora non chiede verifiche sullo spoglio: "Bisogna aspettare e vedere come finisce questo primo riconteggio che si sta facendo. Si sta assottigliando parecchio lo scarto, le cose sono andare meno peggio di quanto sembrasse".

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

Guarda anche

O utilizza