Migranti: Salvini, a Draghi porteremo modelli altri paesi

"2.148 sbarchi in 24 ore non sono compatibili con un paese che vuole ripartire'

"2.148 sbarchi in 24 ore non sono compatibili con un paese che vuole ripartire. Ne parleremo con Draghi". Lo ha detto il leader della Lega Matteo Salvini, in un incontro con i giornalisti fuori dalla sede di Regione Lombardia. "Noi a Draghi porteremo i modelli degli altri paesi europei - ha aggiunto -. Siccome giustamente si parla di un governo europeista e di quello che ci chiede l'Europa, chiederemo che l'Italia si comporti come si comporta la Spagna, la Grecia e la Francia. In nessun altro Paese ci sono i numeri, le dimensioni e i problemi che abbiamo in Italia" ha aggiunto.

 "Non do promozioni o bocciature - ha proseguito Salvini - I numeri dicono che sono arrivati ieri, in una domenica di maggio, il doppio dei clandestini che sbarcarono in tutto il mese di maggio quando ero ministro. Con in più che c'è il Covid. Sicuramente così non si può andare avanti. Volere è potere. Io venerdì sono a Catania in un'aula di tribunale per rispondere di quello che ho fatto e ne vado fiero". Salvini ha inoltre confermato di essersi confrontato con il ministro dell'Interno Luciana Lamorgese: "Con Lamorgese ci siamo messaggiati ieri, però se si aspetta la solidarietà europea penso che andrà a finire come sui vaccini: il nulla - ha aggiunto -. Gli altri paesi non stanno aspettando l'Europa, ma stanno difendendo i loro territori per conto loro con pieno diritto. Il presidente Draghi dice che noi meritiamo rispetto e anche sul fronte dell'immigrazione meritiamo rispetto. Non possiamo invitare i turisti da mezzo mondo su un'isola che ogni giorno vede migliaia di sbarchi. Non è serio".

   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA




      Modifica consenso Cookie