Marò: presidente Consiglio Puglia, stallo inaccettabile

Per i due fucilieri pugliesi 'rimpallo competenze e rinvii'

(ANSA) - BARI, 24 AGO - Il presidente del Consiglio regionale della Puglia, Mario Loizzo, esprime "delusione" per la sentenza del Tribunale del mare, "che ha deciso di non decidere sul caso dei marò italiani, in attesa dell'arbitrato internazionale dell'Aja" e in una nota parla di "stallo inaccettabile" e di "rimpallo di competenze tra la Corte federale e e il governo di Delhi".
    "Guardavamo tutti con fiducia ad Amburgo - dice Loizzo - e ci attendevano di più: sento in questo di interpretare il sentimento dell'intera Assemblea pugliese", che ha più volte approvato ordini del giorno, chiedendo la liberazione del tarantino Massimiliano Latorre e del barese Salvatore Girone e soprattutto giustizia, rapida e obiettiva, per i fucilieri di Marina, "soggetti in India a un procedimento penale che si è distinto per rinvii e prese di tempo interminabili".
    Per Loizzo, "la decisione 'mancata', a maggioranza, dei ventuno giudici del Tribunale internazionale del diritto del mare riporta la vertenza giudiziaria - afferma Loizzo - allo stallo inaccettabile e al rimpallo di competenze tra la Corte federale e il governo di Delhi. L'auspicio è che in sede di arbitrato internazionale dell'Aja, entrando nel merito del caso la Corte internazionale di Giustizia voglia mettere finalmente un punto fermo alla vicenda, in maniera positiva per i nostri 'ragazzi'". (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA




Modifica consenso Cookie