Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Ucraina: Nyt. i servizi di Kiev dietro l'attacco al ponte di Kerch

Ucraina: Nyt. i servizi di Kiev dietro l'attacco al ponte di Kerch

Incendio sul ponte fra la Crimea e la Russia, Kiev augura 'buon compleanno' a Putin. Danneggiata la struttura, lunga 19 chilometri, nello stretto di Kerch, almeno tre morti

09 ottobre 2022, 18:21

Redazione ANSA

ANSACheck

Parts of Crimea bridge collapse following fire © ANSA/EPA

Parts of Crimea bridge collapse following fire © ANSA/EPA
Parts of Crimea bridge collapse following fire © ANSA/EPA

Sono stati i servizi di intelligence ucraini ad orchestrare l'esplosione al ponte di Kerch in Crimea. Lo riporta il New York Times citando un funzionario di Kiev.

I servizi di intelligence hanno usato una bomba su un camion che viaggiava sul ponte per condurre l'attacco, spiega il New York Times. Il Washington Post, citando alcune fonti del governo di Kiev, riferisce che i servizi speciali ucraini sono dietro all'attacco al ponte, di cui nessuno ha ufficialmente comunque rivendicato la paternità.

Un violento incendio ha danneggiato ieri mattina il ponte sullo stretto di Kerch, che collega la Crimea alla Russia. Le fiamme, che hanno coinvolto un deposito di stoccaggio del carburante, secondo Mosca sarebbero state provocate da un camion-bomba. Interrotto il traffico delle auto e quello ferroviario sulla struttura, lunga 19 chilometri, che è stata inaugurata nel 2018 ed è la più lunga d'Europa. Il presidente russo Putin ha istituito una commissione governativa d'inchiesta per fare luce sull'incidente. Un tweet di Mykhailo Podolyak, consigliere del presidente ucraino Volodymyr Zelensky, sembra suggerire una responsabilità diretta di Kiev: "Crimea, il ponte, l'inizio. Tutto ciò che è illegale deve essere distrutto".

"Il ponte di Crimea è stato riaperto al traffico di mezzi leggeri e autobus" dopo l'esplosione che lo ha danneggiato. Lo ha riferito il leader filorusso della Crimea Serghei Aksyonov, citato dalla Tass, precisando che i veicoli in transito vengono ispezionati ai checkpoint. 

Nuovo attacco russo in serata a Zaporizhzhia. Lo afferma il presidente dell'amministrazione statale regionale di Zaporizhzhia Oleksandr Starukh su Telegram, come riporta Ukrainska Pravda.

Esplosione e incendio sul ponte di Kerch, che collega Crimea e Russia

Il camion bomba esploso sul ponte di Crimea sarebbe stato ispezionato a un check point russo prima di saltare in aria. Il canale Telegram Mash, citato da Unian, mostrando un video dei presunti controlli, registrati da telecamere di sorveglianza, durante i quali non sarebbe stato rinvenuto nulla di sospetto sul veicolo e sul conducente. Il mezzo, che trasportava pellet, non sarebbe stato controllato con scanner ai raggi X. 

L'agenzia ucraina Unian citando fonti delle forze di sicurezza, ha riferito che l'esplosione è stata causata da un camion-bomba nel corso di un'operazione speciale dello Sbu, i servizi ucraini. Già in precedenza un tweet di Mykhailo Podolyak, consigliere del presidente ucraino Volodymyr Zelensky, aveva suggerito responsabilità da parte di Kiev: "Crimea, il ponte, l'inizio. Tutto ciò che è illegale deve essere distrutto, tutto ciò che è stato rubato deve essere restituito all'Ucraina, tutto ciò che appartiene all'occupazione russa deve essere espulso".

Oleksiy Danilov, segretario del Consiglio nazionale per la sicurezza e la difesa dell'Ucraina, ha postato su Twitter un video dell'incendio e, parallelamente, il video di Marilyn Monroe che intona 'Buon compleanno' al presidente Kennedy. Solo due parole nel post: "Buongiorno Ucraina!". Ma il messaggio sottinteso è quello di un ironico regalo di compleanno a Putin, che quel ponte lo inaugurò, per i suoi sui 70 anni compiuti ieri.

"L'incrociatore Moskva e il ponte di Kerch - due noti simboli del potere russo nella Crimea ucraina - sono stati abbattuti. Russi, quale sarà il prossimo nella lista?": lo scrive oggi su Twitter il ministero della Difesa ucraino. Il messaggio ha il sapore di una sfida a Mosca e allo stesso tempo sembra rivendicare la paternità dell'incendio che oggi ha distrutto parzialmente il ponte di Crimea. Un simbolo proprio come lo era l'incrociatore Moskva, colpito dalle forze ucraine lo scorso aprile. Lo riporta Ukrinform. 

Immediata la reazione di Mosca che ha accusato il regime ucraino di avere una "natura terroristica" ed ha fatto sapere che i lavori di ricostruzione del ponte "cominceranno oggi stesso". L'operatività della linea ferroviaria del ponte di Crimea dovrebbe essere ripristinata entro le 20:00, orario di Mosca. Lo fa sapere il ministero dei Trasporti russo, riporta Interfax, precisando che è stata condotta "la valutazione iniziale delle condizioni dell'infrastruttura ferroviaria del ponte di Crimea per vedere se i treni possono attraversarlo. Sono in corso le riparazioni".

Il presidente russo Vladimir Putin ha ordinato la formazione di una commissione governativa per indagare sull'incidente: lo ha detto il portavoce del Cremlino, Dmitry
Peskov, secondo quanto riporta la Tass. Putin "ha ricevuto i rapporti dal primo ministro Mikhail Mishutin, dal vice primo ministro Marat Khusnullin, dal ministro delle Emergenze Alexander Kurenkov e del ministro dei Trasporti Gennady Savelyev, così come dai capi delle forze dell'ordine", ha affermato Peskov. "Il presidente ha ordinato al primo ministro di formare una commissione governativa per stabilire le cause dell'incidente e affrontarne rapidamente le conseguenze. La commissione comprenderà anche i capi della Regione di Krasnodar e della Crimea, oltre a funzionari della Guardia Nazionale, del Servizio di Sicurezza Federale e del ministero degli Interni". Il Comitato investigativo russo ha inoltre aperto un procedimento penale.

Le autorità locali hanno annunciato che entro oggi sarà istituito un servizio di traghetti attraverso lo stretto di Kerch.

Nuovi bombardamenti russi hanno danneggiato intanto l'ultima linea di comunicazione con il sistema di alimentazione a 750kV della centrale nucleare di Dniprovska, a Zaporizhzhia. che è rimasta senza energia elettrica. Lo ha riferito su Telegram il sindaco di Energodar, Dmytro Orlov, aggiungendo che "i generatori diesel si accendono automaticamente e le forniture disponibili di gasolio per il loro lavoro in questa modalità saranno sufficienti per dieci giorni". "È necessario riparare e ripristinare il funzionamento delle linee" conclude.

Ieri una linea di alimentazione elettrica della centrale nucleare di Zaporizhzhia è stata danneggiata in un bombardamento avvenuto, e ora il reattore che veniva alimentato dalla linea colpita funziona temporaneamente con generatori diesel. L'Aiea in un tweet aveva riferito che "colpi in un'area industriale fuori dalla centrale hanno danneggiato una linea elettrica che serve il reattore 6, costringendo l'unità a fare affidamento temporaneamente sui suoi generatori diesel di emergenza".

Ieri  il presidente ucraino Volodymyr Zelensky intervenendo al vertice di Praga ha lanciato un nuovo allarme: "Tutti noi siamo sull'orlo di un disastro nucleare a causa della cattura della centrale nucleare di Zaporizhzhia da parte delle truppe russe". Per Zelensky "la Russia ha portato la guerra nella nostra terra, nella parte ucraina dell'Europa. E solo grazie al fatto che il popolo ucraino ha fermato l'invasione della Russia, quest'ultima non può ancora portare la stessa guerra in altre parti d'Europa, in particolare nei Paesi baltici, in Polonia e in Moldavia", ha sottolineato.

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

Guarda anche

O utilizza