Spagna: il governo approva decreto sui diritti dei rider

Questi lavoratori saranno considerati dipendenti e non autonomi

Il governo spagnolo ha approvato in Consiglio dei Ministri un decreto-legge che stabilisce che i lavoratori che consegnano cibo e altri prodotti a domicilio per conto di piattaforme digitali — i cosiddetti rider — devono essere considerati dipendenti delle aziende per cui lavorano. Lo ha annunciato in conferenza stampa la vicepremier e ministra del Lavoro Yolanda Díaz.
    Si tratta di una misura applicata dopo che Díaz e le parti sociali avevano raggiunto un accordo su questo tema nello scorso marzo. La ministra aveva sottolineato allora che la Spagna sarebbe stato il primo paese a legiferare su questo tema caldo anche per l'Italia.
    Il decreto approvato oggi stabilisce anche che gli impiegati di qualsiasi azienda in Spagna avranno diritto a conoscere il funzionamento di algoritmi che abbiano un impatto sul loro lavoro, per esempio per quanto riguarda orari o turni.
    La nuova normativa da tre mesi di margine alle aziende per adattarsi a ciò che prevede e dovrà essere convalidata dalla Camera dei Deputati per entrare in vigore definitivamente.
  
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA




        Modifica consenso Cookie