Terremoti: scossa del 5.6 in Islanda, attività vulcanica

Avvertito anche a Reykjavik, nessun danno a persone o cose

(ANSA) - REYKJAVIK, 24 FEB - Una serie di forti terremoti hanno scosso l'Islanda sudoccidentale, inclusa la capitale Reykjavik, innescando un aumento dell' attività vulcanica ma senza causare gravi danni alle persone o alle cose, secondo quanto riferito dalle autorità.
    La prima e più forte scossa, di magnitudo 5,6, è stata avvertita poco dopo le 10 ora locale (le 11 in Italia), con epicentro, secondo l'ente europeo Emsc e quello statunitense Usgs, a una quarantina di chilometri dalla capitale, vicino al porto di Grindavik. Numerose altre scosse, di cui almeno dodici di intensità superiore a 4.0. si sono susseguite, l'ultima, finora, intorno alle 15.
    "È una zona di intensa attività sismica, ne siamo ben consapevoli, ma non ho mai sperimentato o sentito così tanti forti terremoti in un periodo di tempo così breve", ha detto all'emittente pubblica Ruv Kristin Jonsdottir, coordinatrice dei rischi di terremoto presso il Centro meteorologico islandese (IMO). Il Centro ha segnalato un codice giallo di rischio per il traffico aereo sopra il sistema vulcanico Krysuvik, tra le maggiori aree geotermiche del Paese vicino all'epicentro del sisma.
    "Il vulcano sta mostrando movimenti elevati, al di sopra dei livelli di fondo noti", sottolineano gli esperti. Tuttavia non ci sono al momento segnali di una imminente eruzione vulcanica.
    L'ultima eruzione in questo sistema vulcanico si è verificata nel XII secolo. La penisola di Reykjanes, tuttavia, situata su una faglia tettonica, è stata scossa da numerosi terremoti nell'ultimo anno. Il più recente di una certa entità, del 5,6 quindi pari a quello di oggi, era stato registrato nello scorso ottobre. (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA




        Modifica consenso Cookie