Navalny: Putin, ridicolo dire che lo abbiamo avvelenato

'Servizi russi non avevano alcun interesse a ucciderlo'

(ANSA) - MOSCA, 17 DIC - "Perché avremmo dovuto avvelenarlo? E' ridicolo". Lo ha dichiarato il presidente russo Vladimir Putin commentando le accuse rivolte all'intelligence russa di aver avvelenato il principale oppositore russo, Aleksey Navalny.
    Putin ha accusato Navalny di essere appoggiato dall'intelligence americana e ha affermato che i servizi segreti russi non avevano alcun interesse a ucciderlo. (ANSA).
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA




      Modifica consenso Cookie