Vaccini: Giappone ottiene aumento forniture da Pfizer

Premier Suga raggiunge accordo durante viaggio a Washington

(ANSA) - TOKYO, 18 APR - Il premier giapponese Yoshihide Suga ha raggiunto un accordo la Pfizer per un maggiore approvvigionamento dei vaccini contro il Covid durante la sua visita a Washington. Lo ha detto il ministro in carica per la campagna di immunizzazione, Taro Kono, senza rivelare i dettagli dell'intesa, spiegando che Suga sabato ha discusso al telefono con l'amministratore delegato della casa farmaceutica, Albert Bourla. Kono ha anche detto che il governo di Tokyo sarà in grado di amministrare il vaccino a tutta la popolazione entro la fine di settembre.
    Ad oggi il vaccino della Pfizer-BioNtech è l'unico approvato dalle autorità sanitarie nipponiche e il Paese del Sol Levante dipende prevalentemente dalle forniture degli stabilimenti europei. Il Paese del Sol Levante ha iniziato a inoculare il siero a metà febbraio, partendo dal personale medico, e da lunedì scorso sono state aggiunte le persone con più di 65 anni di età, circa 37 milioni di cittadini. In base ai dati del ministero della Salute, al 9 aprile neanche l'1% della popolazione aveva ricevuto almeno una dose del vaccino.
    Attualmente il piano di immunizzazione del Giappone non include i minori di 16 anni. La recente ascesa dei contagi, indicata come la quarta ondata, ha portato il governo ad espandere le restrizioni in 10 prefetture dell'arcipelago, incluse le città di Tokyo, Osaka e Nagoya. Le misure comportano una riduzione degli orari serali per bar e ristorante e l'inasprimento delle sanzioni rispetto al primo stato di emergenza entrato in vigore a inizio anno. A livello nazionale, dall'inizio della pandemia i casi di Covid in Giappone sfiorano quota 535.000 con 9.649 morti dichiarate. (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA




        Modifica consenso Cookie