• Condannata la ex guardia del lager nazista, complice nella morte di 5232 persone

Condannata la ex guardia del lager nazista, complice nella morte di 5232 persone

Ma la corte di Amburgo lo lascia libero. Il Centro Wiesenthal: 'insulto'

Il tempo cancella molte cose ma non annulla la memoria di chi vuole ricordare. Ed è con questo spirito che, a 75 anni dalla fine della guerra, si è chiuso con una condanna del tribunale di Amburgo il processo all'ex guardia delle SS del campo di concentramento di Stutthof.
La corte della città anseatica ha riconosciuto Bruno Dey, all'epoca dei fatti un ragazzo di 17 anni e oggi un anziano 93 enne, colpevole di aver contribuito con la sua attività di vigilanza alla morte di 5.232 persone nel campo di concentramento nazista nei pressi di Danzica. La pena a due anni di reclusione, comminata secondo la giurisdizione che si applica ai minorenni, sarà scontata in libertà vigilata vista l'età dell'imputato. Una decisione duramente contestata dal centro Wiesenthal di Gerusalemme che ha parlato di un "insulto ai sopravvissuti".
Pur accogliendo con favore la condanna il direttore del centro, Efraim Zuroff, ha sottolineato che si tratta di "un classico esempio della sindrome di simpatia malriposta. Invece di convalidare le sofferenze dei sopravvissuti punendo il colpevole, i giudici li hanno insultati mandando Dey a casa, felice di essere del tutto impunito". "Il fatto che nemmeno uno dei 4 criminali di guerra nazisti condannati nella scorsa decade abbia fatto un solo giorno di carcere, è - ha concluso - una macchia seria nel processo giudiziale".
Tornando al processo di Amburgo, la giudice Anne Meier-Goering ha sottolineato che Dey "non avrebbe dovuto obbedire a ordini criminali". Al termine di un processo durato 44 udienze, l'imputato lunedì scorso aveva preso la parola: "oggi mi vorrei scusare con quelli che hanno dovuto attraversare questo inferno di follia e con i loro familiari" aveva detto prima dell'arringa finale dell'avvocato difensore "una cosa del genere non deve mai più ripetersi". Dey all'inizio del processo si era detto stupito delle accuse e aveva dichiarato di non comprendere le imputazioni, in quanto addetto alla sorveglianza e non artefice diretto dei crimini commessi. Ma nelle dichiarazioni finali la giravolta: l'anziano ha dichiarato di aver finalmente colto l'orrore di quanto era accaduto solo attraverso le testimonianze dei familiari delle vittime e dei superstiti.
 

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA




        Modifica consenso Cookie