Fase 2: Coldiretti, il turismo perde 20 miliardi

Centrale il ruolo dell'agriturismo senza rischio affollamento

 L'azzeramento della spesa turistica in Italia, dall'inizio della pandemia, ha avuto un impatto economico devastante, con una perdita di quasi 20 miliardi di euro tra alloggio, ristorazione, trasporto e shopping. E' quanto emerge da un'analisi della Coldiretti, in merito all'invito del premier Giuseppe Conte a passare le vacanze in Italia per aiutare il Paese a ripartire nella Fase 2. "In questo contesto l'agriturismo svolge un ruolo centrale per la vacanza made in Italy - afferma il presidente di Trerranostra, Diego Scaramuzza -, perché contribuisce in modo determinante al turismo di prossimità, per la riscoperta dei piccoli borghi e dei centri minori nelle campagne, per garantire il rispetto delle distanze sociali ed evitare affollamento".
    L'associazione ricorda che in quasi 2 comuni italiani su 3 sono presenti strutture agrituristiche, con una netta prevalenza dei piccoli centri, dove nasce il 92% delle tipicità agroalimentari. Secondo Scaramuzza, con l'arrivo della bella stagione, sostenere il turismo in campagna significa anche evitare il pericoloso rischio di affollamenti in città, montagna o al mare. Si può scegliere tra 24 mila strutture rurali, in grado di offrire 253 mila posti letto e quasi 442 mila posti a tavola. 
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video Economia



        Vai al sito: Who's Who

        Modifica consenso Cookie